Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1089
POZZALLO - 21/06/2009
Attualità - E’ accaduto tra Pozzallo e Santa Maria del Focallo

Kitesurf "molesto" sulle spiagge, si rischia la rissa

Lo «scontro», del tutto verbale, si è avuto fra alcuni surfisti e un proprietario di un locale attiguo alla spiaggia, il quale lamentava lo sconfinamento di qualche surfista

Kitesurf a rischio sulla spiaggia del Secondo Scivolo, fra Pozzallo e la frazione di Santa Maria del Focallo. È successo la settimana scorsa su una spiaggia particolarmente affollata da bagnanti, i quali hanno tentato inutilmente di godersi la tintarella di inizio estate. Lo «scontro», del tutto verbale, si è avuto fra alcuni surfisti e un proprietario di un locale attiguo alla spiaggia, il quale lamentava lo sconfinamento di qualche surfista nella propria area in concessione, scavalcando il corridoio di atterraggio di loro pertinenza. Si è rischiato pure il danno in quanto c’è mancato poco che l’aquilone planasse con violenza addosso ad un bambino.

Ma non è questo l’unico episodio che il gestore del locale ha denunciato alle autorità competenti. Qualche giorno fa uno di questo surfisti è finito nel giardino di una residenza estiva dove solitamente giocano i nipotini del proprietario. Domenica scorsa, un kitesurf, sfuggito al controllo di uno dei surfisti, si è abbattuto sulla spiaggia finendo fra due ombrelli, sfiorando una donna che si trovava lì in compagnia del proprio coniuge: solo la fortuna ha impedito che potesse accadere qualcosa di irrimediabile.

Tutti episodi che la Guardia Costiera tenta di arginare con scarsi risultati, da quanto hanno riferito alcune persone che hanno la residenza estiva nella zona presa di mira dai surfisti. Nonostante qualche sporadica «visita» degli uomini della Capitaneria, sono in diversi a lamentarsi della mancata presenza dei militari della Marina al fine di disciplinare le aree di competenza.

Anche l’anno scorso, nello stesso tratto, un bambino finì all’ospedale con alcuni punti di sutura sulla fronte. Bisogna aspettare che succeda un fatto simile per limitare l’attività dei surfisti?