Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 967
POZZALLO - 03/11/2007
Attualità - Pozzallo - Dopo gli ultimi viaggi della speranza

Emergenza sbarchi: l´intervento
del ministro Amato chiesto
da Minardo

"Bisogna impedire che le navi cariche di clandestine salpino" Foto Corrierediragusa.it

Interventi immediati per affrontare l´emergenza dell´immigrazione clandestina che interessa le province di Ragusa e di Siracusa dove si è consumato l’ennesimo dramma: la morte di 10 clandestini.

L’urgenza di un intervento mirato che risolva tale problematica ha indotto il deputato alla Camera del Movimento per l’Autonomia, Riccardo Minardo, ad inviare un´interrogazione al ministro dell´Interno, Giuliano Amato (nella foto).

Questo tragico e ultimo sbarco, che si aggiunge ai continui viaggi della speranza, ripropone la drammatica situazione che vive la Sicilia in modo quotidiano.

Secondo l’onorevole Minardo, «la Sicilia è stata lasciata sola a gestire un fenomeno che necessita una politica di contrasto e di prevenzione che vadano di pari passo per avviare un binario parallelo tra la repressione e l’integrazione».

Per il deputato autonomista «non è il contrasto in mare l’elemento risolutivo». Piuttosto è «lo sforzo politico che deve impedire, avvalendosi della collaborazione dei paesi d’origine o di transito, che le navi madri prendano il largo. L’aiuto che si deve rivolgere a questa gente di sicuro disperata deve iniziare proprio dai luoghi di partenza: è in questo modo che si salvaguardano tante vite umane».

Nell’interrogazione Minardo ha ancora una volta sottolineato la necessità del potenziamento di uomini e mezzi che potrebbero meglio svolgere attività di prevenzione e di controllo nei territori interessati.

«Bisogna garantire ? conclude Minardo ? e custodire l´alto valore della vita umana e per fare ciò occorre una seria politica internazionale, economica e sulla sicurezza perché oramai la Sicilia non può far fronte a questa che definirei una vera e propria calamità».