Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 465
POZZALLO - 29/05/2009
Attualità - Pozzallo: grande attesa per la «Giornata dei giovani»

Una giornata di festa dedicata alla conversione di san Paolo

Don Maurizio Novello: «Si conclude un triennio dedicato all’ascolto dei giovani»

Tutto è pronto per la «Giornata dei giovani» della Diocesi di Noto, giunta alla sua quinta edizione, che si svolgerà a Pozzallo a partire da domani a partire dalle 16,30, presso la piazza delle Rimembranze. Questo il programma completo della giornata: ore 17 preghiera d’inizio presieduta dal vescovo di Noto, mons. Antonio Staglianò. Alle ore 18, incontro con fra Massimo Cavalieri. Alle 19, presentazione dei tre cortometraggi, vincitori del concorso: «Filma la tua fede». Ore 20, adorazione eucaristica e apertura della fontana di luce dell’Adorazione, dove, fra le altre cose, chiunque potrà avvicinarsi al sacramento della confessione, grazie anche alla presenza di molti preti presenti in piazza. Alle 21, una festa di gioia e di colori animerà la piazza fino alle ore 23 quando si assisterà alla chiusura di tutte le fontane di luce. Alle 24, chiuderà la giornata una santa messa, in piazza delle Rimembranze, presieduta dal vescovo di Noto.

Tema principale della giornata diocesana dei giovani sarà la testimonianza della conversione di san Paolo, in sintonia con l’anno Paolino, oramai prossimo alla sua conclusione e con il tema della giornata Mondiale dei Giovani di Sidney.

«E’ la conclusione del mese Mariano – dichiara don Maurizio Novello, fra i fautori dell’appuntamento diocesano - e festeggeremo anche Lei, la madre di Gesù, la prima giovane che ha detto subito «si» a Lui. E’ anche l’evento conclusivo del triennio dell’agorà dei giovani italiani. Triennio bellissimo ed entusiasmante che ci ha insegnato ad ascoltare i giovani, ad annunciare Cristo, a comprendere che il Vangelo per essere buona notizia deve diventare cultura, la nostra cultura, il nostro linguaggio. Da qui nasce il tema della giornata che ci ha accompagnato questo anno in tutti i nostri appuntamenti pastorali diocesani e vicariali : «noi e paolo discepoli senza confini» .