Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1247
POZZALLO - 10/05/2009
Attualità - Pozzallo: progetto inserito tra gli eventi della settimana culturale

Pozzallo: la torre Cabrera si racconta ai giovani e non solo

Un modo senz’altro nuovo ed efficace di avvicinare i pozzallesi alla storia del proprio paese Foto Corrierediragusa.it

Ancora spazio alla cultura a Pozzallo grazie al successo di pubblico riportato dal progetto «La Torre…si racconta». Inserito tra gli eventi della settimana culturale indetta dal Ministero per i Beni Culturali, verrà infatti riproposto per tutto il mese di maggio, con appuntamenti rivolti ai giovani studenti delle scuole medie ed elementari di Pozzallo.

L’evento, nato dalla collaborazione tra l’associazione culturale TrattiDiVersi, attiva a Pozzallo già da qualche anno e diretta da Rosario Cintoli, e la Biblioteca Comunale di Pozzallo con a capo Gianluca Sessa, continuerà a proporre, visto il successo ottenuto, le vicende storico-politiche della Torre Palazzo Cabrera attraverso un linguaggio semplice e diretto ai giovani a cui spesso la storia letta sui testi didattici risulta troppo ostica e lontana.

A curare i dialoghi e a rispondere ai quesiti dei giovani visitatori, la dottoressa Daniela Romeo,storica dell’arte ed autrice de «Il linguaggio delle pietre. Nel segno di Cabrera», ultima opera, successiva al restauro dell’imponente struttura, interamente dedicata al simbolo indiscusso della cittadina rivierasca.

Impegnati nella rappresentazione storica delle vicende di Bianca di Navarra, fino alla trasformazione dell’imponente struttura da palazzo a torre di difesa, una decina di giovani volontari innamorati della propria terra e con la passione per la storia.

Un modo senz’altro nuovo ed efficace di avvicinare i giovani alla storia del proprio paese, a quelle vicende che riguardano le radici di ognuno di noi e che solo rivivendole in concreto possono essere davvero apprezzate.