Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1090
POZZALLO - 03/05/2009
Attualità - Pozzallo: un ben triste primato per l’imbarcazione

Pozzallo: il primo catamarano estone incagliato al porto

Uun primo e tangibile segnale dello stato di insabbiamento in cui versa il porto turistico
Foto CorrierediRagusa.it

È una catamarano estone (nella foto) ad avere il «triste» primato di prima barca incagliata, a causa dell’insabbiamento del porto turistico di Pozzallo, per quel che riguarda il 2009. E’ successo per ben due volte, sabato mattina, sia all’interno dello specchio acqueo che sulla via dell’uscita verso l’imboccatura, intorno alle 10,30, quando il proprietario del natante, lungo circa trenta metri, ha avuto difficoltà sia a «posteggiare» all’interno del porto turistico sia, qualche minuto dopo, ad uscire in mare aperto. Il proprietario della barca estone non ha, comunque, avuto bisogno dell’aiuto dei militari della Guardia Costiera in quanto è riuscito nella manovra di disincaglio in entrambi i momenti.

Quanto successo rappresenta indubbiamente, come riferiscono dalla Capitaneria di porto di Pozzallo, un primo «segnale» dello stato di insabbiamento in cui versa il porto turistico. Non siamo, ad onor del vero, ai livelli dello scorso anno, quando era ben evidente, agli occhi di chi osservava, che l’imboccatura del porto era totalmente ostruita dalla sabbia, ma è chiaro che, se non vengono prese opportune e repentine contromisure, si rischia di andare incontro ad altre magre figure, soprattutto per chi decide di spendere (come nel caso del marittimo estone) i propri soldi per attraccare il proprio natante presso la struttura portuale di Pozzallo.

Secondo quanto riferito da qualche passante (in diversi stazionavano all’interno del porto, durante la mattinata di ieri), il diportista estone, estremamente «seccato» per quanto accaduto, avrebbe riferito ai militari della capitaneria che difficilmente sarebbe ritornato in un porto dove sono evidenti tali problematiche.