Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 574
POZZALLO - 24/04/2009
Attualità - Micheal Bloomberg, ha firmato la delibera per il cambio di nome

Il sindaco di New York intitola una via ai pozzallesi

La firma, all’interno del palazzo municipale della Grande mela, è stata apposta alla presenza delle più alte autorità

E alla fine, Bloomberg, firmò. Nell’ambito dei festeggiamenti per il 90. anniversario della «Società dei Pozzallesi» d’America, il sindaco di New York, Micheal Bloomberg, ha firmato la delibera per il cambio di nome alla via dov’è ubicata la sede dei pozzallesi di New York, in quella che, solo per pochi giorni, è ancora chiamata «Henry Street» ma che, fra qualche settimana, diventerà la «Citizens of Pozzallo way». Cambio di nome alla via che, verosimilmente, sarà effettuato nei primi giorni di giugno.

La firma, all’interno del palazzo municipale di New York, è stata apposta alla presenza delle più alte autorità del consiglio municipale di New York, assieme ad un folto gruppo dei rappresentanti della «Society», giunti appositamente nella sede municipale newyorkese per essere testimoni dell’evento.

"Un riconoscimento – dichiara Frank Susino, fra gli iscritti di lunga data al sodalizio - di onore e di grande valore che attesta l’importanza ed il legame della «Society» alla città di New York. Adesso, fervono i preparativi per la festa. Si prevede che durante le prime settimane di giugno ci sarà una festa quando «Citizens of Pozzallo way» sarà definitivamente affisso. Un ulteriore «regalo», Bloomberg, lo potrebbe fare ai pozzallesi che vivono in Sicilia se magari ci concedesse la possibilità di cambiare il nome della strada proprio nel giorno del compleanno della città di Pozzallo, il prossimo 12 giugno. Sarebbe fantastico festeggiare il compleanno della nostra città d’appartenenza – conclude Susino - con un simile riconoscimento".