Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1396
POZZALLO - 17/04/2009
Attualità - Pozzallo: lo ha assicurato il vice sindaco Sigona ai sindacati

Pozzallo: stipendi assicurati per le cooperative

Saranno erogate tre mensilità e, dopo circa trenta giorni, è prevista la corresponsione di due mensilità, ogni volta che verranno pagati gli impiegati comunali

Tre mensilità e, dopo circa trenta giorni, la corresponsione di due mensilità, ogni volta che verranno pagati gli impiegati comunali, sino all’estinzione del pregresso. È quanto ha promesso il vice sindaco di Pozzallo, Attilio Sigona, ai rappresentanti sindacali della Filcams – Cgil, al fine di risolvere l’intricata vicenda degli stipendi dei dipendenti delle cooperative di Pozzallo, giunti al poco ragguardevole «traguardo» delle tredici mensilità pregresse.

Nel corso dell’incontro, i rappresentati sindacali hanno manifestato il loro disappunto per la situazione, alquanto disagevole, a cui vanno incontro i dipendenti comunali i quali, pur non venendo mai meno agli impegni lavorativi quotidiani, non vedono corrisposti i loro sforzi. Sigona, oltre a ricordare la situazione debitoria perdurante dell’ente comunale, ha dichiarato che l’amministrazione comunale garantirà, nel breve periodo di qualche giorno, le spettanze pregresse ai dipendenti delle cooperative di Pozzallo.

"E’ questa una vertenza non facile – commenta Salvatore Tavolino, segretario generale della Filcams Cgil di Ragusa – perchè la situazione si è esasperata a motivo dei gravi ritardi fatti registrare dall’amministrazione nel pagamento degli stipendi degli operatori delle cooperative. Siamo vigili e attenti sugli impegni assunti dal vice sindaco, Attilio Sigona".

A riprova di ciò, se quanto asserito nel corso della riunione da Sigona non corrispondesse al vero, i rappresentanti della Filmcams – Cgil hanno «promesso», a loro volta, di scendere in piazza per rivendicare il diritto al salario. "Risulta evidente – conclude Tavolino – che, se entro 15 giorni, non ci saranno riscontri positivi, saranno assunte le necessarie forme di lotta al fine di comporre la vertenza in atto".