Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 795
POZZALLO - 17/04/2009
Attualità - Pozzallo: suggestiva cerimonia d’inaugurazione al porto

Motovedetta consegnata dalla Provincia a Pozzallo

A «battezzare» il natante è stato il vescovo della diocesi di Noto, Mons. Antonio Staglianò
Foto CorrierediRagusa.it

Suggestiva cerimonia d’inaugurazione presso la banchina militare del porto di Pozzallo, della motovedetta «Cp 2301» (nella foto), che la provincia regionale di Ragusa ha concesso, in comodato d’uso gratuito, alla capitaneria di porto di Pozzallo. Presenti all’inaugurazione, il presidente della provincia di Ragusa, Franco Antoci, il prefetto di Ragusa, Carlo Fanara, il questore di Ragusa, Giuseppe Oddo, oltre ad una folta delegazione di politici iblei e personalità della società civile e militare. Presente, fra le autorità militari, anche il direttore marittimo per la Sicilia orientale, il contrammiraglio Domenico Di Michele.

A «battezzare» il natante, è stato, invece, il vescovo della diocesi di Noto, Mons. Antonio Staglianò, il quale, oltre a ricordare le «vittime del mare» (con riferimento sia ai tanti immigrati clandestini che hanno trovato la morte nelle acque del Mediterraneo sia a quanti, pozzallesi e non, lavorano quotidianamente nel settore della pesca), ha pure benedetto la bandiera dell’Unità Navale, alla presenza di un numeroso pubblico, accorso per la cerimonia.

Soddisfatto il comandante della capitaneria di porto, Antonio Donato, il quale ha ricordato, durante il suo discorso, come la nuova motovedetta "sia utile per fronteggiare l’annoso problema dei traffici illegali di clandestini, in acque territoriali. Con natanti sempre più stracolmi di immigrati, era necessario che la capitaneria di porto di Pozzallo si dotasse di un nuovo strumento atto al trasbordo sicuro di immigrati illegali".

Non solo, comunque, clandestini, fra gli obiettivi della capitaneria. Nel suo intervento, infatti, il comandante Antonio Donato ha sottolineato che "dell’imbarcazione ne verrà fatto un uso adeguato e finalizzato anche al controllo della costa e alla lotta all’inquinamento marino".

NELLA FOTO SOTTO L´INAUGURAZIONE DELLA MOTOVEDETTA. CLICCATECI SOPRA PER INGRANDIRLA

Foto di gruppo sulla motovedetta