Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 951
POZZALLO - 16/04/2009
Attualità - Pozzallo: «La cultura è di tutti: partecipa anche tu»

Settimana della cultura a Modica e Pozzallo fino al 26 aprile

Lo spazio della memoria e l’educazione culturale dell’animo. Sono i tratti salienti che caratterizzeranno la settimana della cultura a Modica

Lo spazio della memoria e l’educazione culturale dell’animo. Sono i tratti salienti che caratterizzeranno la settimana della cultura a Modica a partire da oggi. La memoria sarà riscoperta attraverso la valorizzazione del museo civico «Belgiorno», allogato in via temporanea nel palazzo della Cultura di corso Umberto I in attesa dell’ultimazione dei lavori nell’originaria sede del palazzo dei Mercedari di via Mercè.

Sono già in corso le officine museali, che, a partire dalle operazioni di restauro degli antichi reperti, introdurrà gli studenti di tutte le scuole della provincia ai misteri e al fascino dell’archeologia. In quest’ottica s’inserisce anche il progetto della «Fabbrica del passato». L’evento clou sarà costituito martedì dalla presentazione ufficiale del libro, edito da Sellerio, su «La necropoli tardo romana di Treppiedi a Modica».

Un primo assaggio di ciò che diventerà l’area dove insiste la preziosa testimonianza del passato: un percorso archeologico di prestigio. Gli eventi sono stati illustrati dal sindaco Antonello Buscema, dal consulente alla cultura Antonio Sichera e dalle archeologhe Anna Maria Sammito e Simona Sirugo.


La settimana della cultura a Pozzallo
di Calogero Castaldo


«La cultura è di tutti: partecipa anche tu», è questo lo slogan che accompagna le iniziative volute dal Ministero per i Beni le attività culturali e riunite sotto il nome di «Settimana della cultura». Dal 18 al 26 aprile, anche la città di Pozzallo, grazie agli assessorati alla cultura e allo spettacolo del comune di Pozzallo e all’associazione culturale «Tratti DiVersi», aderisce alla manifestazione al fine di avvicinare il grande pubblico alla cultura e alla passione per l’arte e di promuovere il patrimonio culturale.

Ecco in dettaglio il programma. Sabato 18 aprile, alle ore 09, 09.50, 10.40, 11.30, presso la torre Cabrera, il racconto «La Torre ... si racconta». Con linguaggio chiaro ed adatto ai ragazzi, sarà raccontata la storia della Torre Cabrera (dalla sua nascita fino alla fondazione del Comune di Pozzallo) e le vicende storico-politiche del nostro territorio. Alle ore 21.30, in piazza Municipio, «Caruana Mundi» in concerto.

Martedì 21 aprile, alle ore 09, 10.00, 11.00, presso lo Spazio Cultura «Meno Assenza» - Incontro didattico «Dall’idea, alla forma». L’iniziativa, prevede un incontro con il docente dell’istituto liceo artistico «Campailla» di Modica, Carmelo Lorefice, il quale, supportato da alcuni allievi, dimostrerà come le mani e l’inventiva di un artista possano trasformare un blocco di argilla o un foglio bianco, dando forma e bellezza alla materia.

Giovedì 23 aprile 2009, alle ore 09, 10.00, 11.00 presso lo Spazio Cultura «Meno Assenza», incontro didattico «Un mare ... di rispetto». Si tratta di un incontro-studio con un esperto di ambiente marino, il biologo Antonino Barlotta, presidente del Nucleo Sommozzatori di Pozzallo. Scopo dell’iniziativa è offrire ai ragazzi un meraviglioso viaggio nella conoscenza del mare, particolare attenzione sarà rivolta al tema dell’inquinamento dell’ambiente marino e delle coste.

Venerdì 24 aprile 2009, alle 20, presso lo Spazio Cultura «Meno Assenza», narrazione e musica con «Confine ... il sentiero nella musica». Yousif Latif Jaralla (Iraq) «Il cuore in una barca di carta» con Lucia Trombadore. Segue l’incontro con il narratore, Yousif Latif Jaralla.

Per tutta la settimana, all’interno della sala «Meno Assenza», la mostra fotografica «20 scatti per riflettere», a cura della docente Lucia Trombadore.