Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1599
POZZALLO - 04/03/2009
Attualità - Pozzallo: bisogna semplificare l’iter per la presentazione dei documenti

Marittimi esposti all´amianto, accesso ai benefici

Drago: "Ho già personalmente inviato un’interrogazione al Ministro Sacconi" Foto Corrierediragusa.it

L’accesso ai benefici previdenziali per i marittimi soggetti all’esposizione all’amianto è stato al centro di una conferenza svoltasi nello spazio culturale Meno Assenza

L’incontro, fortemente voluto dal presidente della Società marinara di Pozzallo, Luigi Ammatuna e da tutti i soci, riguarda le difficoltà insite nel decreto legislativo del 27 ottobre 2004 che prevede un iter, quanto mai complicato, per tutto ciò che riguarda la documentazione da presentare all’Ipsema(Istituto di previdenza per il settore marittimo),organo predisposto dal 2006 all’accertamento e al consecutivo rilascito dei benefici disposti dalla legge.

Secondo la normativa vigente, infatti, i marittimi, rispetto a qualsiasi altra categoria interessata dal suddetto provvedimento, sono tenuti a presentare, oltre al curriculum lavorativo, una dichiarazione dei datori di lavoro attestante la reale esposizione all’amianto «in modo diretto ed abituale per un periodo non inferiore alla otto ore lavorative giornaliere».

Diventa così davvero macchinosa la procedura da rispettare a causa delle difficoltà, quanto mai ovvie, nel riuscire a rintracciare i propri ex datori di lavoro che nel frattempo, nel migliore dei casi, hanno cessato la loro attività.

Presenti all’incontro anche gli on Roberto Ammatuna e Peppe Drago, nonchè un rappresentante dell’Ispettorato Provinciale del lavoro: organo predisposto, nel caso di fallimento della compagnia marittima, ad attestare l’esposizione all’amianto dei lavoratori.

«Ho già personalmente inviato un’interrogazione al Ministro Sacconi- ha affermato l’Onorevole Drago- al fine di semplificare la documentazione da presentare limitandola all’estratto matricolare o al libretto di navigazione».

Una precisazione giuridica in grado di riconoscere la specificità di una professione, quella marittima, che a Pozzallo ha avuto, ed ha attualmente, una grande tradizione.