Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1217
POZZALLO - 27/02/2009
Attualità - Pozzallo: l’ex consigliere comunale autonomista s’interroga sulle spese del comune

Pozzallo: protezione civile, Casella vuol vederci chiaro

Sulla gestione del centro di soccorso e di prima accoglienza
Foto CorrierediRagusa.it

Vuol vederci chiaro Davide Casella (nella foto), ex consigliere comunale autonomista, da qualche mese passato al gruppo di minoranza, dando vita alla lista civica «Autonomisti Liberi», sulle spese sostenute dal comune di Pozzallo attraverso il servizio di Protezione Civile attinente la gestione del centro di soccorso e di prima accoglienza.

In un’interrogazione che sarà discussa nel corso del prossimo civico consesso, Casella chiede all’attuale amministrazione di conoscere le remunerazioni, ordinarie e straordinarie, date al personale, comunale e non, addetto all’immigrazione, oltre alle spese sostenute per l’acquisto di vettovaglie, materassi, coperte, televisori, condizionatori e quant’altro necessario per l’accoglienza e il soccorso degli immigrati. Sono oggetto d’interrogazione anche le convenzioni e i contratti con le varie ditte fornitrici e la ditta appaltante i lavori di adeguamento dell’ex Dogana e il modo in cui sono state scelte.

"Vista la convenzione – si legge in una nota a firma Davide Casella – stipulata dal comune di Pozzallo con la Prefettura di Ragusa attinente la gestione del centro di soccorso per il periodo fra il 17 giugno 2008 e il 31 dicembre 2008 con una spesa di 1 milione 175 mila 663 euro e sentite le continue lamentele del sindaco di Pozzallo nei confronti del governo nazionale per somme anticipate dal Comune in difficoltà economica, chiedo di poter avere la documentazione delle spese sostenute".

Casella, altresì, in un’altra interrogazione, contesta la nomina di esperto delle problematiche per l’immigrazione, conferita a Giovanni Manenti, amministratore di una struttura alberghiera, convenzionata con la Prefettura di Ragusa per la ricettività degli immigrati che arrivano in terra iblea, sebbene lo stesso non abbia alcun ritorno economico per questo tipo di consulenze. Casella interrogherà l’amministrazione chiedendo se Manenti non sia incompatibile con la nomina di esperto delle problematiche inerenti l’immigrazione.