Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1492
POZZALLO - 03/02/2009
Attualità - Pozzallo - Dopo la riunione di venerdì scorso a Catania

Pozzallo: incarico di prestigio per Sulsenti

Inserito nell’esecutivo regionale di Mpa per monitorare lo stato di salute delle infrastrutture del panorama ibleo Foto Corrierediragusa.it

Un incarico indubbiamente prestigioso per il sindaco Peppe Sulsenti (nella foto) il quale, nella giornata di ieri, ha avuto conferma dell’inserimento del suo nome nell’esecutivo regionale del partito al fine di monitorare lo stato di salute delle infrastrutture del panorama ibleo.

Dopo la riunione di venerdì scorso, a Catania, dove ottantasette sindaci siciliani appartenenti all’Movimento per l’Autonomia si sono radunati per discutere di Ato, sanità e riforme strutturali, è giunta ieri la notizia che colloca il sindaco di Pozzallo nella ristretta cerchia dei 15 sindaci autonomisti che dovranno individuare le lacune infrastrutturali della provincia. Sono stati gli altri sindaci, radunatisi a Catania, a «segnalare» il sindaco ibleo quale componente dell’esecutivo regionale ed è stato il segretario regionale, Lino Leanza, a comunicare, nella giornata di ieri, l’avvenuta nomina al sindaco ibleo. L’esecutivo dei sindaci del Movimento per l’Autonomia, di cui fa parte, appunto, Sulsenti, opererà con la Commissione Regionale nei contatti con il dirigente generale della Programmazione, Robert Leonardi, e relazionerà al prossimo congresso del Movimento per l’Autonomia, fissato nei giorni 27 e 28 febbraio prossimi.

"Sono soddisfatto – dichiara Sulsenti - per la visibilità avuta tra i sindaci siciliani del Movimento per l’Autonomia e intendo occuparmi dell’incarico ricevuto con il massimo impegno anche perché vivo in una provincia in cui le infrastrutture sono ancora tutte da realizzare, dalle autostrade, alle strade, alle ferrovie, ai porti".

Il 14 febbraio, a Ragusa, il Movimento per l’Autonomia, organizzerà un incontro, con lo stesso Leonardi, per fare il punto sulle infrastrutture che mancano o devono essere completate per quel che riguarda la provincia di Ragusa.