Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1057
POZZALLO - 23/01/2009
Attualità - Pozzallo - Fumata nera da Palermo per la realizzazione dell’opera

Piattaforma logistica retro portuale: il "No" della Regione

Stornello: "Mobilitazione delle rappresentanze istituzionali iblee" Foto Corrierediragusa.it

Fumata nera per la realizzazione della piattaforma logistica retro-portuale di Pozzallo. La regione Sicilia non ha, difatti, approvato lo studio di fattibilità che i progettisti della piattaforma avevano inviato mesi fa, per la definitiva approvazione, a Palermo. Il Nucleo di valutazione degli investimenti pubblici della Regione, che rappresenta uno degli ultimi passaggi prima dell’approvazione finale, ha bocciato l’elaborato, dicendo che la copertura finanziaria dello stesso era irrisoria.

Il Consorzio Asi, comunque, ha già fatto pervenire i rilievi ai progettisti che avranno un mese di tempo per integrare l’elaborato. Entro 30 giorni, difatti, il progetto dovrà essere nuovamente sul tavolo dei funzionari del Nucleo, pena la bocciatura definitiva dell’intero progetto. Il consigliere generale Asi Gianni Stornello (nella foto) lancia un grido d’allarme anche in previsione della realizzazione dell’autoporto di Vittoria, definita, dallo stesso Stornello, «incerta» nel momento in cui la Regione si prepara a rivedere la rete delle strutture logistiche in Sicilia.

"Credo sia arrivato il momento – dice Stornello – di mobilitare le rappresentanze istituzionali iblee per chiedere, e allo stesso tempo dare, garanzie per fare in modo che le due strutture siano effettivamente realizzate. Sull’autoporto di Vittoria incombe il termine del 31 dicembre entro il quale indire la gara di appalto quanto meno di un primo stralcio funzionale: parlarne oggi senza progetto in mano è come dire che l’opera non si intende fare, con la conseguenza di porre una seria ipoteca anche sulla piattaforma logistica di Pozzallo e sulla completa funzionalità di altre due importanti infrastrutture della provincia, il porto di Pozzallo e l’aeroporto di Comiso, per le quali l’autoporto e la piattaforma logistica – conclude Stornello - sono due polmoni essenziali".