Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 822
POZZALLO - 08/01/2009
Attualità - Pozzallo - Per la corale il 2009 è l’anno del decennale

Pozzallo: Coro Roberto Corallo

Diretti dal maestro Salvatore Alcaras, i cantori hanno ottenuto
il plauso dei numerosi spettatori che hanno affollato le chiese
Foto CorrierediRagusa.it

Atmosfere cariche di significato e virtuosismi ricchi di particolari interessi. Sono questi i particolari che contraddistinguono i giovani cantori della corale polifonica di Pozzallo «Roberto Corallo» (nella foto), i quali, diretti sapientemente dal maestro Salvatore Alcaras, hanno ottenuto il plauso dei numerosi spettatori che hanno affollato le chiese per ascoltare le melodie natalizie. Ventidue i canti portati in scena, tutti esclusivamente eseguiti a cappella (ad eccezione della cantata N. 1 Membra Jesu Nostri - «Ad pedes» di Dietrich Buxtehude, che ha richiesto l’intervento di un quartetto d’archi e organo) per cinque tappe nella provincia iblea, dove si è registrato, per ogni tappa, successo di pubblico e di critica. Il nutrito programma del concerto ha permesso al coro e al suo maestro di dare un saggio delle potenzialità canore e dei virtuosismi canori. Splendidi, a tal proposito, sono stati i canti tardo medievali, rinascimentali e barocchi, oltre ai classici «carols» natalizi, i quali sono stati apprezzati, in particolar modo, dai bambini presenti in sala.

Per la corale «Roberto Corallo», il 2009 è l’anno del decennale, essendo nato nel 1999 grazie alla passione per la musica di un gruppo di giovani. Fra questi giovani, nel 1999, vi era proprio Roberto Corallo, uno dei fondatori del coro nonché corista in qualità di basso, prematuramente scomparso qualche anno fa.

Inizialmente, il coro ha svolto attività esclusivamente nel campo della musica liturgica. Solo con l’innesto di altri giovani cantori e con la voglia di sperimentare, la corale polifonica, nel corso di questi ultimi anni, ha intrapreso un cammino musicale di tutto rispetto, partecipando, inoltre, ad importanti manifestazioni liturgiche vicariali.