Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 980
POZZALLO - 11/12/2008
Attualità - Pozzallo - Il comune ha accreditato 300mila euro alla Busso

Pozzallo: sospeso sciopero netturbini

Pagati gli stipendi di settembre, ottobre e la tredicesima Foto Corrierediragusa.it

Risolta la vertenza fra gli operatori ecologici della ditta «Busso» e il comune di Pozzallo. Dopo lo sciopero indetto spontaneamente dagli stessi operatori (la triplice sindacale, di questo sciopero, non era stata avvisata), i quali si erano presentati davanti a palazzo la Pira martedì mattina minacciando sciopero ad oltranza se la situazione non si fosse sbloccata, è bastato che il comune accreditasse 300 mila euro nelle casse della ditta di Giarratana per far tornare i netturbini a pulire le strade e a svuotare i cassonetti della città. Ad onor del vero, gli stessi netturbini non hanno neanche aspettato che il comune, nella giornata di ieri, versasse l’importo richiesto da Maurizio Busso, in quanto, fin dalle prime ore della mattina, tutti i cassonetti erano completamente svuotati.

"Sono stati pagati – afferma il sindaco Peppe Sulsenti – settembre, ottobre e tredicesima, garantendo allo stesso Maurizio Busso che il mese di novembre non verrà accreditato a data da destinarsi bensì in tempi congrui, rispettando gli impegni e gli accordi che questa amministrazione ha intrapreso con la ditta di Giarratana. Ci avviamo verso quella normalizzazione, nel pagamento degli stipendi che, in passato, è stata, per molti anni, merce rara da vedersi a Pozzallo. Entro pochi mesi – conclude Sulsenti – il mio impegno è di azzerare questa anomala situazione. A poco a poco, ci stiamo riuscendo".

In mattinata, preoccupazione era stata espressa dal consigliere di Sinistra Democratica, Alessandro Maiolino, per quanto successo ai 47 operatori della ditta Busso.