Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 761
POZZALLO - 31/10/2008
Attualità - Pozzallo - L’annuncio del consigliere generale Asi Gianni Stornello

Arriva il metano nella zona industriale di Modica - Pozzallo

"Ne parlavamo da anni e le imprese ne hanno bisogno" Foto Corrierediragusa.it

Arriva il metano nella zona industriale Asi, sita nel territorio fra Modica e Pozzallo. A comunicare la notizia è il consigliere generale Asi Gianni Stornello (nella foto), il quale ha ottenuto la disponibilità di Italgas a progettare e mettere in opera la rete di distribuzione del gas naturale. Sarà compito, adesso, dell’Asi censire le aziende che vorranno usufruire dell’idrocarburo al fine di poter stilare un’analisi dei costi. In questi giorni, difatti, tutti gli associati dell’area industriale hanno ricevuto due lettere, una del consorzio ibleo, l’altra dell’Italgas, entrambi con l’intento di spiegare i vantaggi dell’allaccio alla rete, come, ad esempio, la riduzione dei costi di produzione.

"Ne parliamo da anni – spiega Stornello – senza che si riuscisse a superare il conflitto di competenze fra le concessionarie dei comuni di Modica e di Pozzallo. La gran parte dell’area industriale ricade sul territorio di Modica metanizzata da Conscoop, concessionaria diversa da quella di Pozzallo – Italgas – che con le sue tubazioni arriva proprio alle porte dell’area ASI. A seguito delle mie pressioni – dichiara il consigliere Asi – Italgas ha finalmente dato la sua disponibilità a realizzare il progetto e costruire l’opera con un semplice «nulla osta» da parte del Comune di Modica e previo un censimento dell’utenza potenziale".

Sull’utilità della rete, Stornello non ha dubbi. "Sono infatti parecchie – rileva Stornello – le imprese insediate che hanno bisogno del metano per potere lavorare al meglio. Qualcuna di esse può entrare in produzione solo con l’arrivo del metano: ecco perché considero prioritario questo tipo di intervento per il quale oggi possiamo essere – conclude lo stesso Stornello - un po’ più ottimisti".