Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 983
POZZALLO - 15/10/2008
Attualità - Pozzallo - Problemi risolti in via definitiva

Pozzallo: netturbini pagati e contenti

Scongiurata l’ipotesi di un nuovo sciopero Foto Corrierediragusa.it

Risolti definitivamente gli ultimi problemi legati ai pagamenti dei netturbini di Pozzallo. Nonostante il comune di Pozzallo avesse inviato i soldi all’Ato Ambiente di Ragusa, lo stesso ente non aveva ancora provveduto ad accreditare i soldi alla ditta Busso, ditta aggiudicatrice che si occupa della raccolta in città dei rifiuti solidi urbani. L’ovvia conseguenza è stata che la ditta Busso si è rifiutata di inoltrare i pagamenti presso la banca dove i netturbini sono soliti andare per incassare il mensile. È stato il sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti, assieme all’assessore all’ecologia, Angelo Avveduto a «piombare», nel primo pomeriggio di ieri, negli uffici dell’Ato, a Ragusa, per chiedere che le due tranches di 75 mila euro circa (la prima stanziata ieri, la seconda fra qualche giorno) fossero erogate alla ditta Busso, che, di contro, avrebbe pagato le mensilità arretrate ai dipendenti della ditta di Giarratana che operano a Pozzallo. E’ così, di fatto, è stato.

Sono stati alcuni netturbini a sollevare l’annosa questione all’assessore all’ecologia, Avveduto, il quale si era sentito ripetere che, se la situazione non si fosse sbloccata in tempi brevi, tutti i netturbini della città sarebbero nuovamente scesi in strada per proclamare uno sciopero ad oltranza. Sciopero che, in definitiva, è stato evitato grazie anche all’intervento repentino dei due esponenti politici pozzallesi.

"Siamo dovuti andare a Ragusa – dichiara Avveduto - insieme al sindaco Sulsenti per risolvere un problema che era già stato risolto «a monte». Tranquillizzo, comunque, i netturbini che tutto è stato positivamente risolto. Speriamo non accada più nulla da qui in avanti. Non vorrei – ha ironizzato ieri Avveduto - succedesse qualcosa stanotte"...