Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:32 - Lettori online 1185
POZZALLO - 08/10/2008
Attualità - Pozzallo - Dilaga il problema del randagismo nella cittadina

Pozzallo: 3 pitbull seminano il terrore

Per fortuna nessuna persona è stata azzannata dai molossi Foto Corrierediragusa.it

Problema randagismo a Pozzallo. Sono bastati tre cani abbandonati, tre pitbull di grande stazza, a seminare il panico, nella serata di lunedì sera, fra le vie principali del centro marittimo. Ed è una vera fortuna che nessuno sia stato aggredito dai cani. Il terzetto di animali, con una piazza parzialmente gremita, alla vigilia della giornata festiva della patrona di Pozzallo, la Madonna del Rosario, hanno fatto trascorrere momenti di panico a coloro che si trovavano, in quel momento, in piazza delle Rimembranze. Pare che il «trio» sia entrato pure in contatto con altri pitbull, visto che alcuni ragazzi sono soliti, durante la sera, portare a spasso il proprio cane per le vie del centro storico. Fortunatamente, però, nessuno è stato ferito ma poco è mancato che, dalla ferocia scatenata dai tre cani, ci scappasse pure qualcosa di serio.

Alcuni passanti, scampati all’assalto dei cani, hanno, inoltre, chiamato i Vigili Urbani della comune rivierasco, i quali hanno impiegato tutta la serata nel tentativo di ritrovarli e denunciarli alle forze dell’ordine.

Tutto, però, si è rivelato vano in quanto nessuno è riuscito a fornire particolari utili al ritrovamento dei tre cani, neanche nella giornata di ieri.

Il problema randagismo è alquanto diffuso nella città di Pozzallo. Purtroppo, dopo una certa ora, è molto probabile imbattersi contro qualche «bestione» che girovaga per le vie della città. Molto più grave, invece, è l’atteggiamento di qualche padrone che, per i ben noti motivi fisiologici dell’animale, accompagna lo stesso senza il laccio al collo, lasciando che il cane possa girare come se niente fosse. Un atteggiamento assai tollerato dai tutori della legge, i quali dovrebbero vietare tale comportamento.