Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 399
POZZALLO - 04/10/2008
Attualità - Pozzallo - Dopo l’incendio di tre auto in via dell’Arno

Pozzallo: Ammatuna incontra il prefetto

Assicurata una maggiore presenza delle forze dell’ordine
Foto CorrierediRagusa.it

Incontro fra il Prefetto di Ragusa Carlo Fanara e il deputato Pd all’Ars Roberto Ammatuna a Ragusa. I due hanno colloquiato, per più di un’ora, dell’attuale situazione che si è verificata a Pozzallo, dopo il recente incendio, verificatosi in Via dell’Arno, nella notte fra domenica e lunedì scorso, ove sono state incendiate tre automobili.

L’on Ammatuna ha ribadito che solo una più costante presenza delle forze dell’ordine potrà garantire maggiore tranquillità non solo alla popolazione pozzallese ma anche a coloro che soggiornano turisticamente nella città che ha dato i natali a Giorgio La Pira. Il prefetto, dopo aver ascoltato quanto riferito da Ammatuna, ha accolto le richieste avanzate dal deputato regionale, garantendo sia dei servizi di «intelligence», da parte delle forze dell’ordine, per prevenire atti delinquenziali da parte di vandali o di piromani, sia la presenza capillare di Polizia e Carabinieri sul territorio.

Intanto, in città, l’aria che si respira è assai pesante. Nonostante sia tornato il caldo, dal punto di vista meteorologico, e magari verrebbe voglia di fare una passeggiata lungo il Corso Vittorio Veneto o la piazza delle Rimembranze, non si può non notare la totale assenza di cittadini, in orario serale, per le vie principali della città. Dopo le 21, difatti, gli unici che ancora rimangono a soggiornare, fino ad ora tarda, sono i ragazzi che popolano i pochi «pubs» che rimangono aperti, sette giorni su sette.

Per le indagini in corso, invece, tutto è ancora fermo. Gli inquirenti del Nucleo Operativo dei Carabinieri di Modica stanno ancora indagando per capire se quella esplosione sia stata dolosa e non accidentale, anche perché vi sono parecchi elementi, ancora, che devono essere verificati.