Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1203
POZZALLO - 28/09/2008
Attualità - Pozzallo - Dopo la denuncia delle fermate non rispettate

Pozzallo: Sulsenti alza la voce con l´Ast

Chiarimenti sul rilascio degli abbonamenti del mese di ottobre Foto Corrierediragusa.it

L’amministrazione alza la voce contro l’Ast. Dopo le reiterate proteste di alcuni consiglieri d’opposizione (Asta e Sudano) sulle fermate non rispettate da parte dell’Azienda Autonoma dei Trasporti per gli studenti che partivano da Raganzino ma che finivano la loro corsa, durante il viaggio di ritorno, in piazza delle Rimembranze, il comune di Pozzallo ha protestato nei confronti dell’Ast chiedendo quali siano le motivazioni di tale comportamento.

In attesa di risposta da parte dell’ente palermitano, l’amministrazione comunale ha, inoltre, provveduto ad esaminare quali siano i dati dei pagamenti degli abbonamenti pagati dagli studenti pendolari e rimborsati agli stessi dal Comune di Pozzallo. Secondo alcune segnalazioni, difatti, il prezzo del ticket, richiesto dagli autisti degli autobus, è sceso scriteriatamente dalla prima settimana (ove si spendevano 17 euro e 50 cent per la tratta Modica-Pozzallo) contro i 15 euro e 10 cent della settimana successiva. "Intendiamo chiedere il rimborso a tutti gli studenti del maggior prezzo pagato la scorsa settimana - dice il sindaco Giuseppe Sulsenti (nella foto) - e procederemo comunque ad una verifica del prezziario utilizzato sia nei confronti dei singoli pendolari sia nei confronti dello stesso Comune".

L’amministrazione comunale pozzallese, infine, ha chiesto contezza per il rilascio degli abbonamenti del mese di ottobre sebbene lo stesso comune abbia, qualche giorno fa, prontamente girato all’Ast tutto l’imposto pervenuto dalla Regione Sicilia, pari a 139 mila euro. Da Palermo, infatti, non è arrivata ancora alcuna notizia. La vertenza, però, assicurano da palazzo La Pira, sarà verosimilmente sbloccata nel periodo intercorso fra lunedì e martedì prossimi.