Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1153
POZZALLO - 26/09/2008
Attualità - Pozzallo - Nessuna fermata prevista a Raganzino

Pozzallo: se l´autobus tira dritto

Penalizzati gli studenti pendolari. Protestano Sudano e Maiolino Foto Corrierediragusa.it

Gli studenti pendolari pozzallesi possono prendere l’autobus nel quartiere Raganzino ma, al ritorno, non possono scendervi, in quanto l’ultima fermata è quella in piazza delle Rimembranze. A sollevare il paradossale inconveniente è la lista civica d’opposizione «Pozzallo Giovane», la quale denuncia che gli autobus deputati al trasporto degli studenti non osservano le fermate previste, in particolar modo al ritorno, penalizzando quanti abitano a Raganzino.

E con l’approssimarsi dei rigori invernali, Pozzallo Giovane auspica che vi siano le fermate dei pulmann anche a Raganzino al fine di risolvere l’annosa questione. "Sono rammaricato – dichiara l’unico consigliere di «Pg», Marco Sudano - del fatto che, oltre al disservizio, ad essere penalizzato, tanto per cambiare, è ancora una volta il quartiere Raganzino. L’amministrazione deve fare un deciso «mea culpa» e difendere i diritti di quei ragazzi, che, cosa molto importante, stanno pagando di tasca loro il trasporto fino al 30 settembre. Tuteliamo pertanto i ragazzi che, stanchi della giornata scolastica, per andare a pranzare, devono fare molta strada – chiosa Sudano - zaino in spalla".

Sempre in tema di scuola, da mercoledì 1° ottobre, inoltre, sarà in vigore il ticket scolastico per i pendolari. Il consigliere comunale Alessandro Maiolino (nella foto) è perentorio: "Credo che l’amministrazione – dice Maiolino - debba rispettare il volere dei cittadini che, negli incontri tenutisi l’anno scorso, hanno categoricamente espresso il «no» secco della città a qualsiasi tipo di ticket. Sono pronto a scendere in piazza insieme agli studenti se l’amministrazione non tornerà sui suoi passi: il diritto allo studio non deve avere barriere economiche". Intanto, corre voce che, per il 1° ottobre, alcuni studenti sciopereranno in piazza Municipio contro i ticket in vigore.