Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 930
POZZALLO - 12/10/2016
Attualità - Un’azione contro le trivelle nei mari italiani e a favore delle fonti rinnovabili

Greenpeace alla piattaforma Vega. "Accendiamo sole"

Scelta non casuale, è la piattaforma più grande del Mediterraneo Foto Corrierediragusa.it

Nuova azione di Greenpeace contro le trivelle nei mari italiani. Gli attivisti sono partiti in questa occasione dalla Rainbow Warrior, in viaggio verso Catania, alla volta della piattaforma Vega A a circa 12 miglia da Pozzallo.
Un attivista Greenpeace a bordo di un gommone munito di deltaplano (foto) ha provveduto a stendere uno striscione nei pressi della piattaforma Vega A con su scritto «Go solar», mentre un secondo messaggio è stato esposto da quello a bordo di un paramotore ed era «Accendiamo il sole». Il luogo scelto per questa operazione non è casuale perchè la Vega è la piattaforma più grande del Mediterraneo ed era anche finita al centro di un processo per lo smaltimento illecito di rifiuti.

Luca Iacoboni, responsabile campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia, dice: "I progetti riguardanti l’installazione di una nuova piattaforma e la realizzazione di nuovi pozzi in queste acque sono la prova che l’Italia continua a sbagliare direzione. Lo spettro di nuove trivellazioni in questo mare la dice lunga su come, mentre il resto del mondo punta concretamente sulle rinnovabili, il governo Renzi cerca in tutti i modi di tenere ancorato il nostro Paese a un passato fossile e inquinante".