Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 786
POZZALLO - 15/10/2007
Attualità - Pozzallo - Appena 12 giorni dopo la riunione di fuoco del consiglio

Mililli abbandona l´incarico
di presidente dei revisori
dei conti

Con una lettera « Urbi et Orbi» ha annunciato la sua decisione
Foto Corrierediragusa.it

Il presidente dei revisori dei conti del comune di Pozzallo se ne và. Abbandona l’incarico dodici giorni dopo la riunione del Consiglio Comunale nel corso della quale venne approvato il riequilibrio di bilancio, dopo una ampia discussione e uno scontro tra i partiti della maggioranza e quelli dell’opposizione sulla presunta lista di debiti extra bilancio non riconosciuti dall’ufficio. Nella stessa riunione fu chiesta la trasmissione degli atti alla procura della Corte dei Conti.

A distanza di poco più di una settimana Bartolo Mililli abbandona l’incarico di presidente del collegio dei revisori, con una lettera « urbi et orbi» con la quale motiva la sua decisione: gli impegni di lavoro, la famiglia, i figli. Non accenna a motivi tecnici o a dissidi, anzi fa l’elogio del Sindaco e dei consiglieri, e a tal proposito scrive : « mi permetto di consigliare di continuare sempre con maggiore spinta, quel percorso di assestamento finanziario già avviato dall’Ente, passo dopo passo e anno dopo anno, perché tutti i cittadini di Pozzallo possano sempre sperare nella presenza di un Comune attento ai bisogni sociali e allo sviluppo economico del loro territorio e delle loro famiglie».

I commenti in città sulle dimissioni di Bartolo Mililli sono i più disparati e diverse voci si rincorrono e non mancano anche interpretazioni di segno opposto. Le dimissioni, infatti, rappresentano un fulmine a ciel sereno per l’amministrazione di Peppe Sulsenti anche perché non erano attese. I bene informati sostengono che le dimissioni di Bartolo Mililli hanno un nesso con quanto è accaduto in occasione del riequilibrio di gestione per l’esercizio finanziario 2007, altri ritengono che rientrano nella normalità. L’interrogativo però rimane e ancora non si registrano commenti ufficiali delle forze politiche.