Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 852
POZZALLO - 10/03/2016
Attualità - Lo storico monumento marinaro chiuso al pubblico

Torre Cabrera: qualcosa si muove per la riapertura

L’on Ragusa parla di "Svolta cruciale" Foto Corrierediragusa.it

Attraverso il recupero di un ribasso d’asta che ammonta a 31 mila 800 euro sarà possibile realizzare i lavori di ripristino e di messa in sicurezza del muro perimetrale della Torre Cabrera di Pozzallo (foto). Si tratta di un intervento propedeutico alla riapertura del prestigioso monumento simbolo della città marittima. E’ questa la decisione scaturita da un incontro a tre, tenutosi a Palermo, tra l’assessore regionale ai Beni culturali Carlo Vermiglio, il soprintendente di Ragusa Calogero Rizzuto e l’on Orazio Ragusa. Le risorse economiche in questione saranno recuperate con riferimento allo stanziamento per i lavori di somma urgenza effettuati nel pilone portante della scala d’accesso della Torre. «Dopo anni, finalmente – dice l’on Ragusa – siamo arrivati a una svolta cruciale. E speriamo che l’iter già definito possa essere espletato in tempi relativamente brevi. Attraverso il recupero di queste risorse economiche, con il metodo del ribasso d’asta, ci sarà l’opportunità di ultimare tutto il percorso, parecchio accidentato, prefigurato per il recupero funzionale di Torre Cabrera. Ringrazio l’assessore Vermiglio e il soprintendente Rizzuto che, raccogliendo l’invito del sottoscritto, si sono resi disponibili per questo confronto che, allo stato delle cose, diventava di fondamentale importanza per definire il percorso da attuare. Naturalmente tutti auspichiamo che il tempo che ci separa dall’apertura definitiva della Torre -conclude Ragusa - con la contestuale fruizione del monumento al pubblico, possa essere il più breve possibile».