Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1152
POZZALLO - 19/02/2016
Attualità - Lo stato dell’arenile non è ottimale

Scarico fognario in spiaggia a Pietrenere

Impressionanti le condizioni in cui si trova l’area Foto Corrierediragusa.it

Uno scarico fognario a cielo aperto in piena spiaggia (foto). Lo hanno individuato per caso gli studenti di una classe dell´Istituto tecnico di Pozzallo "La Pira" nell´ambito di una ricerca avviata con il Circolo Legambiente Il Carrubbo. Lo scarico si trova al lungomare Pietrenere in corrispondenza del torrente Senia e provenendo dalla strada arriva fino al mare. Il forte odore di fognatura e l’aspetto torbido dell’acqua hanno subito fatto pensare a un versamento di scoli organici dovuto forse a un guasto della rete fognaria o a uno scarico abusivo. Sospetto confermato dai risultati dei test effettuati sui campioni d’acqua dagli studenti del Commerciale, che sotto la guida della biologa dell´associazione, hanno rilevato fosfati, ammonio e ammoniaca ai livelli massimi, presenza di cloro e, per finire, valori minimi di ossigeno. «Un quadro preoccupante, quello che emerge dalle analisi svolte. Se fosse stata effettuata anche un’indagine batteriologica, sarebbe probabilmente emersa una elevata quantità di batteri fecali - come, ad esempio, l’Escherichia Coli, - indice evidente di inquinamento biologico», afferma la biologa Monica Giampiccolo.

Nel corso dell’uscita al Lungomare Pietrenere, gli studenti dell’Istituto Commerciale hanno anche avuto modo di riscontrare il pessimo stato in cui versa la spiaggia, costellata per un lungo tratto da escrementi, con molta probabilità abbandonati lì dai cani e dai loro poco civili padroni. «Impressionanti le condizioni in cui si trova l’area: abbiamo visto che sull‘acqua galleggiava la carcassa di un ratto e sulla sponda c´era un gabbiano morto», hanno dichiarato i ragazzi che, dall’inizio del mese, hanno visitato anche la spiaggia e il Pantano del Maganuco, il porto di Pozzallo e la spiaggia di Raganzino, con lo scopo di osservare l’ambiente con occhio critico per rilevarne problemi e potenzialità in chiave turistica. La prossima uscita «sul campo», correlata al progetto «Un Mare d’Ambiente», vedrà gli alunni del Liceo Scientifico effettuare nuovi test sull’acqua presso il Lungomare Pietrenere, nel punto in cui si riversa lo scarico. I campioni d’acqua prelevati saranno poi inviati all’Arpa per degli esami batteriologici.