Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 984
POZZALLO - 10/02/2016
Attualità - Ne dà notizia il deputato regionale Orazio Ragusa

Autorità portuale regionale: disegno di legge all´Ars

"Con il disegno di legge in questione – dice l’on Ragusa – viene individuata un’unica responsabilità gestionale" Foto Corrierediragusa.it

Il deputato regionale Orazio Ragusa (foto), assieme ad altri cinque parlamentari, ha depositato all’Ars un disegno di legge per l’istituzione dell’Autorità portuale regionale. L´attenzione che lo Stato sta attribuendo alla gestione dei porti, impone ora più che mai che la Regione affronti in maniera sistematica la prospettiva dello sviluppo della portualità di interesse regionale, problematica mai affrontata nei 70 anni di autonomia legislativa della Sicilia, se non per interventi frammentari e disorganici. La proposta legislativa si pone tre obiettivi specifici: salvaguardia delle Autonomie locali in fatto di decisione sullo sviluppo del proprio territorio, delle Autorità competenti sui porti di interesse nazionale, delle funzioni regionali e nazionali in fatto di protezione dell´ambiente ed urbanistica; unificazione, all´interno dell´Amministrazione regionale, delle attività di propria competenza, al fine di individuare un interlocutore unico che si possa intestare le attività di programmazione, finanziamento, realizzazione e gestione delle infrastrutture portuali; creazione di un organismo snello, dotato di autonomia finanziaria, in grado di essere generatore di ricchezza e promotore di sviluppo, assoggettato comunque a processi di vigilanza e controllo.

"Con il disegno di legge in questione – dice l’on Ragusa – viene individuata un´unica responsabilità gestionale, in analogia a quanto da sempre avviene nello Stato con le Autorità Portuali sui porti di competenza nazionale, ed un´unica responsabilità politica e tecnica, vale a dire l´assessorato alle Infrastrutture, mobilità e trasporti".