Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 855
POZZALLO - 15/12/2015
Attualità - Bisogna prendere subito le dovute contromisure

Hotspot a Pozzallo: Europa chiama Italia

Il sistema diventerebbe più rigido e controllato Foto Corrierediragusa.it

Hotspot a Pozzallo, Porto Empedocle e Trapani. L´Europa ha chiesto all´Italia di accelerare per mettere sotto controllo gli sbarchi dei migranti. In Sicilia ne servono tre e quelli individuati dal ministero sono appunto quelli dei posti dove si registra il maggior numero di arrivi, anche se manca Augusta. Il recente caso di un presunto terrorista passato tra le maglie del porto di Pozzallo ha portato il problema hotspot al centro dell´attenzione e indotto le autorità europee a chiedere che in casi estremi bisogna procedere anche con la raccolta delle impronte non escludendo l´uso della forza. Insomma un giro di vite rispetto a quanto succede oggi. A Pozzallo l´attuale struttura con pochi interventi potrebbe facilmente passare a hotspot, struttura in cui i migranti sono tenuti sotto controllo e dalla quale non possono uscire, se non dopo essere stati del tutto identificati. I casi più spinosi esistono invece a Porto Empedocle e Trapani perchè i due centri non sono dotati di attrezzature utili. Da parte dell´autorità di Polizia dei due centri sono state rilevate e messe in evidenza le criticità visto che sia a Porto Empedocle sia a Trapani i migranti vengono fatti sbarcare su un molo e poi avviati verso i centri di accoglienza sparsi sul territorio.

Con gli hotspot il sistema diventerebbe più rigido e controllato. Perchè subito dopo lo sbarco i migranti verrebbero indirizzati presso la struttura, qui accolti, identificati e tenuti sotto controllo prima di essere avviati verso i centri di accoglienza o indirizzati verso gli altri paesi europei che hanno accettato il sistema delle quote. Sono proprio questi paesi, in particolare quelli del nord Europa che premono per l´identificazione tramite impronte digitali per scongiurare infiltrazioni di terroristi.