Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 984
POZZALLO - 17/11/2015
Attualità - Risolti i problemi di natura giuridica creati dal fallimento dell’impresa appaltatrice

Stazione passeggeri porto Pozzallo, appalto riparte

Il Tribunale di Roma ha autorizzato l’Aedars a proseguire i lavori Foto Corrierediragusa.it

Riavviato l’iter per il completamento della stazione passeggeri di Pozzallo (foto: il rendering). L´appalto affidato alla Associazione Temporanea d’Impresa guidata dal Consorzio Aesars era incappata in una serie di disavventure: mancato rilascio della certificazione antimafia da parte della prefettura di Roma e avvio delle procedure di fallimento per lo stesso Consorzio.

Il Consorzio Aedars, mandatario dell’A.T.I. aggiudicataria dell’appalto, è stato sottoposto ad amministrazione giudiziaria dal Tribunale di Roma. Lo stesso Tribunale ha di conseguenza chiuso la procedura fallimentare (avviata nel maggio 2015) così come disposto dalle leggi antimafia, mentre, la mandante Tecnosoluzioni ha dichiarato di voler recedere dal contratto per cui sarà solo il mandatario Consorzio Aedars a proseguire i lavori. Infatti l’Aedars è qualificato anche per la parte che avrebbe dovuto eseguire la mandante e così per questa ‘trance’ di lavori è già stato autorizzato dal Tribunale di Roma ad eseguire i lavori. Il direttore dei lavori Giancarlo Di Martino è pronto a far ripartire i lavori. «E’ necessario solo reinquadrare formalmente – dice - il nuovo assetto contrattuale con un atto aggiuntivo. Ottenuta la approvazione si potrà stipulare l’atto aggiuntivo e riavviare i lavori".