Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1406
POZZALLO - 30/10/2015
Attualità - Sobria e partecipata cerimonia a scuola

Intitolata al preside Gennaro aula magna scuola "Rogasi"

Omaggio a colui che guidò la scuola per un ventennio Foto Corrierediragusa.it

Il nome del preside Antonino Gennaro scolpito per sempre alla scuola media "Giuseppe Rogasi". L´aula magna dell´istituto è stata infatti intitolata ad Antonino Gennaro, che per 20 anni, dal 1962 al 1982, ha diretto l´istituzione scolastica pozzallese. La figura del docente, del dirigente e dell´uomo è stata rievocata nel corso di una cerimonia promossa dal´amministrazione comunale in piena sintonia con la scuola e un gruppo di ex docenti, tra cui Grazia Dormiente, che nel suo intervento ha tracciato il profilo del suo ex preside con parole sentite e non senza commozione. Nell´aula magna della scuola sono convenuti docenti, amici, parenti, ex alunni per la cerimonia di intitolazione dell´aula magna. Il dirigente scolastico, Grazia Basile, ha accolto gli intervenuti, tra cui i due figli del preside Gennaro, sottolineando l´importanza dell´apertura della scuola al territorio, principio di cui il già preside Gennaro fu convinto sostenitore. Il sindaco Luigi Ammmatuna e l´assessore alla cultura Mara Aldrighetti hanno evidenziato da parte loro l´opportunità della conservazione della memoria di un personaggio che tanto ha dato alla vita culturale e sociale della città, ricordando nell´occasione la cerimonia di gemellaggio con il comune di Firenze da parte dell´allora amministrazione pozzallese in memoria di Giorgio La Pira.

Una cerimonia che fu voluta proprio in quell´aula magna per iniziativa del preside Antonino Gennaro. Ai figli del preside, Nara e Duccio, è toccato il compito di ravvivare la memoria del padre con aneddoti familiari e non, ricordando il profondo legame del padre con la città di adozione professionale. L´inno di Mameli, eseguito dall´orchestra della Rogasi, ha accompagnato lo scoprimento della lapide al preside Antonino Gennaro per una cerimonia che è risultata corale e sentita da parte di tutti i partecipanti.