Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 945
POZZALLO - 28/07/2008
Attualità - Pozzallo - La città ospita per la prima volta un evento del genere

E venne il day gay con (forse) la presenza di Vladimir Luxuria

Si comincia stasera alle 19. Ci saranno anche le drag queen Foto Corrierediragusa.it

«Gay Day», ci siamo. Organizzato dall’Arcigay di Ragusa, l’orgoglio omosessuale oggi sfila per le vie della città di Pozzallo, a partire dalle ore 19. Il centro rivierasco si appresta a vivere una lunga serata fatta di luci, colori, «drag queen», concerti, seminari, spettacoli teatrali, una rassegna di pittura e persino di un evento, tenuto scrupolosamente in segreto, che vedrà la luce verso la mezzanotte.

Si parte (ore 19, piazza Cesare Battisti) con la presentazione del libro di Riccardo Di Salvo, «Stella del Sud». Alla presentazione del libro, saranno presenti, oltre alle diverse associazioni che, in questi giorni, hanno sostenuto la manifestazione, anche i responsabili dell’Arcigay nazionale, Aurelio Mancuso, e quello regionale, Paolo Patanè. Saranno presenti anche i rappresentanti dei cinque comitati provinciali Arcigay siciliani (Palermo, Catania, Siracusa, Messina e appunto Ragusa) e delle autorità della provincia.

Non si esclude, all’ultimo momento, l’arrivo dell’ex parlamentare di Prc, Luxuria. Solo in mattinata si saprà se il politico sarà presente alla manifestazione. Ad aprire lo spettacolo il canto lirico del soprano Claudio D’Angelo. Ci sarà spazio per il teatro con lo spettacolo «L’amore» a cura della Compagnia «I Dilettanti» e per la musica con il concerto dei «Flashback»e le «Drag Queen Show». Nel corso della serata, infine, saranno presenti anche alcuni stand espositivi, con tema sulla «diversità» dell’orgoglio omosessuale.

A Pozzallo, comunque, non sale la «febbre» per questo evento. Pochi manifesti annunciano l’arrivo di carri colorati e «drag queen». Qualcuno andrà, spinto dalla curiosità, altri (molti, a dire la verità) hanno già sentenziato che, per lunedì sera, andranno fuori Pozzallo, pur di non assistere alla manifestazione.

E Forza Nuova? Nei giorni scorsi, la sezione di Ragusa del partito di estrema destra aveva bollato come «inutile e provocatorio» la manifestazione pozzallese. Poi, è sceso il silenzio. Si era pure sparsa la voce che una quarantina di coppie si fossero date appuntamento, lunedì sera, per un bacio «etero» in segno di spregio nei confronti del «gay day», ma il «boatos», alla fine, è rimasto tale.

Insomma, per dirla alla Shakespeare, «tanto rumore per nulla». Alla fine, la manifestazione si farà e sarà la prima volta che una città della provincia di Ragusa organizza un evento del genere. E c’è già chi pensa di replicare la manifestazione, sempre a Pozzallo, nell’estate del 2009.