Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1578
POZZALLO - 23/07/2008
Attualità - Pozzallo - Interessante tavola rotonda

Pozzallo: informazione e contro informazione

Tra gli ospiti anche Carlo Ruta, il cui blog è stato oscurato Foto Corrierediragusa.it

Rientra nel fitto programma presentato dal Coordinamento Rino Giuffrida il dibattito svoltosi in Piazza Cesare Battisti a Pozzallo.

Una tavola rotonda sul tema «Informazione e Controinformazione» a cui hanno preso parte Gianluca Floridia, rappresentante di Libera, (associazione nomi e numeri contro le mafie),Davide Bocchiere, giornalista de Il giornale di Sicilia, Roberto Meloni, corrispondente di «La Voce Ribelle» e Carlo Ruta, giornalista d’inchiesta balzato recentemente agli occhi della cronaca per essere il primo titolare di un blog, ad esser stato processato e condannato per stampa clandestina.

Il suo blog, www.accadeinsicilia.net è stato oscurato il 7 dicembre dello scorso anno dal Tribunale di Ragusa perché non segue i canoni e i ritmi che la legge impone alla carta stampata e che, con l’avvento dei blog, si estende anche alle pubblicazioni online.

Temi forti,dunque, quelli trattati ieri sera dinnanzi ad un pubblico che ha manifestato il pieno appoggio al giornalista d’inchiesta, che si è dichiarato soddisfatto e stupito dal «rumore»che la sua vicenda ha suscitato, come dall’appoggio che ancora oggi continua a ricevere attraverso petizioni e interventi che inneggiano alla libertà di parola, di cui sembra esser diventato implicito testimonial, sancita dalla articolo 21 della Costituzione.

Un dibattito dalle tematiche forti. Un modo per ribadire e forse riconoscere l’importanza di fare controinformazione quando l’informazione diventa carente o spegne i riflettori su tematiche che, invece, necessitano di essere esaminate e analizzate.

A conclusione del lungo dibattito, la serata è continuata con la «cena sociale» e il concerto dei «Malacuscenza».