Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1134
POZZALLO - 28/06/2015
Attualità - Nessun aiuto economico dallo Stato, almeno per il momento

Pozzallo? Niente soldi per accoglienza migranti

Privilegiata l’emergenza Pelagie Foto Corrierediragusa.it

Niente soldi per Pozzallo, almeno per il momento. Il tanto agognato «ristoro» promesso dal ministro dell´Interno, Angelino Alfano, alla città rivierasca a causa della massiccia presenza di migranti sul territorio registra un nuovo stop. Il ministro dell´Interno ha ribadito che "Il contributo è stato assegnato per fronteggiare la grave situazione socio-economica determinatasi nelle isole Pelagie, a seguito dell’eccezionale arrivo di migranti, in base ad apposita deliberazione del Cipe e previa presentazione, da parte dell’Amministrazione comunale di Lampedusa e Linosa, di un piano di interventi volto al miglioramento dell’efficienza di alcuni servizi. Per quel che concerne le altre Amministrazioni locali siciliane – continua Alfano – rammento che, con Dl 22 agosto 2014, n. 119, quelle maggiormente sottoposte a pressione migratoria, tra cui Pozzallo, hanno beneficiato di una riduzione degli obiettivi del patto di stabilità interno e che, inoltre, lo scorso 16 dicembre, proprio a favore del Comune di Pozzallo, il nostro dicastero ha riconosciuto un contributo straordinario di 500 mila euro per interventi assistenziali in favore dei migranti.

In ogni caso, la particolare situazione dei Comuni della Sicilia sudorientale, e in particolare del Comune di Pozzallo, continua ad essere attentamente seguita. Al riguardo, impartirò ogni utile indicazione ai fini dello studio di un meccanismo di sostegno economico analogo a quello già contemplato per le isole Pelagie". In sostanza, niente soldi per adesso. Se ne riparlerà, con buona pace di tutti, forse nel 2016.