Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1251
POZZALLO - 23/05/2015
Attualità - Del malcontento si fa portavoce il consigliere Marino

Ancora divelta la ringhiera di via Mongibello a Ragusa

Lamentata l’incuria in cui versa buona parte della città Foto Corrierediragusa.it

«Completamente divelta la ringhiera del primo tratto di via Mongibello (foto)». Ad evidenziarlo la consigliera comunale Elisa Marino che chiede un immediato intervento di ripristino da parte della Giunta municipale di Ragusa. «I residenti della zona – afferma la consigliera – lamentano una persistente disattenzione perché, dopo avere messo in evidenza la problematica ed essersi rivolti in più di una occasione a palazzo dell’Aquila, non sono riusciti ad ottenere gli adeguati riscontri per arrivare a una soluzione. Il problema si registra nella zona dell’arteria stradale che, dall’incrocio con via Eugenio Criscione Lupis, procede verso viale dei Platani. La ringhiera che dovrebbe servire a salvaguardare l’incolumità dei pedoni, anche per l’evidente pericolosità del gradone che immette nel terreno accanto, tra l’altro tutto incolto e quindi ricettacolo di sporcizia di ogni tipo - aggiunge la Marino - è tutta inclinata verso destra fino ad essere, ad un certo punto, completamente dissaldata dagli ancoraggi originari. Ora, siccome si tratta di una zona di transito molto frequentata dai pedoni, anche per la presenza della parrocchia di San Paolo apostolo nelle vicinanze, chiediamo all’assessore alle Manutenzioni di effettuare un sopralluogo e di verificare come stanno le cose per valutare se ed in che modo è possibile intervenire.

Sarebbe auspicabile che, con l’arrivo delle belle giornate - conclude la Marino - tutte le zone di Ragusa poste sotto attenzione dai pedoni possano essere transitabili in piena sicurezza».