Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 591
POZZALLO - 12/04/2015
Attualità - Perchè non si interviene per porre fine ai disagi di centinaia di automobilisti?

Soldi stanziati ma la strada resta "bucata"

"E’ assurda la storia della strada del porto", dice il presidente della Civica Assise Antonio Zocco Pisana Foto Corrierediragusa.it

Si trovano i soldi per asfaltare viale Australia, che non ha bisogno di manutenzione, e si lascia la strada del porto piena di buche e "crateri" (foto). É l´assurda storia della bretella stradale che collega il centro abitato al porto, un´arteria di pochi metri dove, quotidianamente, transitano centinaia di veicoli. L´asfalto ai piedi del castello Di Martino è davvero la «gioia» di tantissimi fra gommisti e carrozzieri. Inguardabile per le numerose buche presenti. La farsa di tutta questa storia è che i soldi per asfaltare la strada ci sono, e sono quelli previsti da un fondo del ministero dell´Interno per le politiche migratorie. Circa 500 mila euro stanziati per il comune di Pozzallo, alcuni dei quali sono già stati utilizzati per i funerali dei migranti dell´anno scorso. Proprio perché in prossimità del Cpa, il Comune di Pozzallo potrebbe attingere a questo fondo per aggiustare la strada con vista sulla spiaggia di Raganzino. Ed invece, si aspetta. Non si sa bene cosa, ma si aspetta.

"E´ davvero assurda la storia della strada del porto – dice il presidente della Civica Assise, Antonio Zocco Pisana – I soldi sono stati stanziati ma non per quella arteria trafficata da centinaia di automezzi. Nessuno si preoccupa di agevolare la pratica affinché si dia inizio ai lavori. Non ci fossero i soldi, faremmo tutti a gara per fare tavole rotonde o consigli comunali per discutere cosa fare. Coi soldi che sono stati stanziati, il rischio è quello di perdere altro tempo e, magari, di vederci sottrare la cifra destinata per questi lavori".

Al danno, la beffa. Lo scorso gennaio, il commissario straordinario della Provincia, Dario Caltabellotta, ha promesso un intervento di riqualificazione della stessa bretella grazie ai fondi ex Insicem, promessa fatta anche al sindaco Luigi Ammatuna nel corso di un incontro tenuto a palazzo La Pira. Inutile dire che, alle parole, non sono seguiti i fatti. "Sono trascorsi alcuni mesi – dice Zocco Pisana – e nulla è stato fatto. Ci sono i fondi del ministero e quelli dell´ex Insicem, a quanto dichiarato in passato, ma la strada resta piena di buchi, e la stagione balneare è alle porte, visto che l´arteria è assai trafficata, specie nel periodo estivo. E´ scandaloso avere una strada del genere, in un paese che vuol fare turismo – conclude il presidente del consiglio comunale - e non riesce a fornire neanche i più elementari servizi".


12/04/2015 | 21.48.14
pozzallese

scusate..state trattando solo due arterie..e le altre strade? forse non appartengono al comune di Pozzallo o altro ancora..si vede che ci sono strade da serie A e strade da serie C..