Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 437
POZZALLO - 09/07/2008
Attualità - Pozzallo - Dopo l’istituzione dei nuovi parcheggi

Pozzallo: vernice gialla cercasi

Denunciate gravi dimenticanze per i portatori di handicap Foto Corrierediragusa.it

Sarà finita la vernice stradale «gialla» al comune di Pozzallo? Se lo domandano in parecchi, a Pozzallo, dopo l’istituzione dei nuovi parcheggi e dopo le reiterate proteste del personale del 118 di Pozzallo.

Nella fattispecie, Pozzallo Giovane, la lista civica di minoranza a palazzo La Pira, denuncia gravi dimenticanze, soprattutto per i portatori di handicap. In una nota diramata ieri, Pg richiama l’attenzione sulle strisce stradali che, di recente, sono state istituite sia sul lungomare Pietrenere sia per il Largo dei Vespri Siciliani.

"Il sindaco Peppe Sulsenti (nella foto) - è scritto nella nota - e il suo assessore alla viabilità Vincenzo Ruta, oltre a creare una grande confusione nella viabilità cittadina, sono riusciti nell’impresa di togliere dignità anche alle persone più sfortunate: i portatori d’handicap. Infatti, in questi giorni si assiste alla creazione sui due lungomare della città e nelle zone centrali, di strisce per il parcheggio delle automobili. Peccato che le strisce siano solo di colore bianco. Delle strisce «gialle» indicanti il parcheggio per i diversamente abili neanche l’ombra".

Anche il personale medico del 118, sito nel quartiere periferico del «167», reclamano l’intervento del Comune, affinché venga «allargato» di qualche centimetro il parcheggio dell’autoambulanza. "A volte, per salvare una vita ? spiegano quelli del 118 ? non bisogna perdere tempo in inutili manovre di parcheggio. Se la striscia dove poter parcheggiare, assai ridotta al momento, venisse «allargata», si risolverebbero i problemi per chi guida l’automezzo, facilitando il compito anche del personale paramedico, il quale avrebbe un raggio d’azione più ampio. Da due mesi, stiamo aspettando che qualcuno ci dia quanto richiesto al Comune".