Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1093
POZZALLO - 20/03/2015
Attualità - Costa, Pullmann Tour e Msc lasciano Tunisi e virano sul capoluogo isolano

Nuove rotte per navi da crociera: e Pozzallo che fa?

Il comune marinaro dovrebbe subito giocarsi le sue carte Foto Corrierediragusa.it

Le navi di Costa, Pullmann Tour e Msc lasciano Tunisi e virano su Palermo, Pozzallo che fa? L´attentato terroristico al museo del Bardo di Tunisi ha indotto i vertici delle più importanti compagnie crocieristiche italiane a varare un piano B che prevede sin da subito l´eliminazione della tappa a Tunisi per motivi di sicurezza. Le crociere nel Mediterraneo saranno quindi spostate su Palermo dove nelle prossime settimane si aggiungeranno dieci scali in più della Costa e ben 39 della Pullman Tour. Anche Msc rivedrà le sue rotte e tutti sono intenzionati a puntare su Palermo. L´occasione potrebbe essere propizia perchè Pozzallo possa inserirsi a pieno titolo in questa ridefinizione delle rotte grazie al porto che apre ai crocieristi il Val di Noto e tutto il territorio ibleo. Sarebbe appena il caso per la classe politica, amministrative e imprenditoriale di cogliere la palla al balzo e proporsi, se non con effetti immediati, viste le difficoltà e le necessità organizzative, per attrezzarsi sin dai prossimi mesi e fornire elementi convincenti per accogliere un traffico che potrebbe avere un´alternativa valida sotto tutti i punti di vista per le compagnie a crociera e nel contempo essere fattore di sviluppo per tutto il territorio del sud est siciliano.

I fatti di Tunisi sono destinati ad avere effetti nel tempo e non è ipotizzabile nel medio periodo che la capitale tunisina diventi "attrattiva" per motivi di sicurezza. Prima che le navi vengano dirottate a Catania e Trapani, Pozzallo deve giocarsi subito le sue carte ma servono velocità decisionale e proposte convincenti. Al momento si sono solo viste parole e prese di posizione talvolta persino ridicole.