Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1118
POZZALLO - 08/07/2008
Attualità - Pozzallo - La foce del fiume Irminio è inquinata

Goletta Verde è andata via
dopo un "mare" di denunce

La sitauzione ambientale è poco edificante Foto Corrierediragusa.it

La foce del fiume Irminio inquinata e la denuncia di concessioni rilasciate con troppa facilità, per le costruzioni edilizie, troppo a ridosso delle coste. ? questo il quadro emerso della campagna di monitoraggio effettuata nelle acque delle coste iblee da Goletta Verde, l’imbarcazione di Legambiente che da ormai 23 anni si occupa di verificare lo stato di salute dei mari italiani.

Presentata a bordo del due alberi «Catholica» (nella foto), al porto di Pozzallo, durante la conferenza stampa si sono alternati Tiziano Granata, dell’ufficio «Ambiente e Legalità Legambiente Sicilia», Claudio Conti, presidente «Legambiente Ragusa», Nuccia Fontana, presidente «Legambiente Vittoria», Antonino Duchi, responsabile «Legambiente Ragusa», Peppe Sulsenti, sindaco di Pozzallo, Nicola Corona, portavoce di «Goletta Verde» e Ferruccio Grassia, tenente di vascello della Capitaneria di Porto di Pozzallo.

Sebbene, dunque, i mari del litorale ibleo sembrino godere di uno stato di buona salute, lo stesso non può dirsi per le coste, troppo spesso deturpate da evidenti casi di abusivismo edilizio, in particolare sulle coste di Scicli e di Ispica dove Legambiente denuncia i casi più gravi di abusivismo edilizio. Legambiente, difatti, chiede a tutte le amministrazioni che non vengano rilasciate le concessioni, sulla costa, con troppa facilità, rischiando di deturpare la fascia costiera con inutili «eco-mostri» che non giovano al turismo, ma bensì lo danneggiano.

"E’ proprio in questa direzione ? dichiara Nicola Corona - che la provincia di Ragusa deve fare di più. Non possiamo accettare che con troppa negligenza vengano tralasciate attività di salvaguardia per un patrimonio di inestimabile valore. Legambiente auspica che le amministrazioni accolgano positivamente il messaggio lanciato da Goletta Verde e continuino a difendere il mare con un occhio di riguardo per le coste".

I punti di prelievo per le acque marine, in provincia, sono stati quattro: a Pozzallo, spiaggia Pietrenere presso l’ex Colonia; a Marina di Ragusa, al porticciolo dello Scalo Trapanese. Per entrambi, il risultato è positivo, ovvero mare «non inquinato». Le foci dei due fiumi, Irminio e Modica, sono state giudicate, invece, «fortemente inquinate». Goletta Verde tornerà l’anno prossimo, a Pozzallo, per verificare l’eventuale demolizione di alcune strutture abusive, a tutela del patrimonio territoriale.