Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 919
POZZALLO - 25/02/2015
Attualità - Addio ad un pezzo di arenile

Spiaggia secondo scivolo inghiottita dal mare

L’area è stata transennata e messa in sicurezza
Foto CorrierediRagusa.it

Addio alla spiaggia del Secondo Scivolo (foto). La violenta mareggiata che si è verificata lungo tutto il fine settimana ha dato l´ultimo definitivo colpo mortale ad una delle più belle spiagge del litorale ibleo. Meta fra le più ambite, soprattutto dai vacanzieri che fuggono dai rumori della città, la spiaggia, a pochi chilometri dal centro abitato, non è più visibile perché letteralmente «inghiottita» dalle onde. Al danno, poi, subentra anche la beffa. Le abitazioni che, fino a qualche anno fa, hanno goduto di una tranquillizzante distanza, oggi sono «minacciate» dal tempo avverso e dall´incuria dell´uomo.

Il bilancio del fine settimana è stato a dir poco tragico. Almeno tre le abitazioni a rischio «frana» sulla spiaggia. Uno smottamento di terra provocherebbe l´irreparabile, con grave danno per il sistema ambientale e un esborso non da poco per i proprietari che vedono andare in frantumi terreni adiacenti e abitazioni costate un occhio della testa. Solo nella giornata di domenica, sono caduti pure alcuni lastroni in cemento, i quali servono proprio a proteggere le case dalla violenza delle onde. A rischio, anche il parcheggio della rinomata spiaggia. In caso di crollo, potrebbero riversarsi sulla sabbia detriti in cemento e il cordolo di legno.

La zona, grazie all´intervento della Protezione Civile di Pozzallo, per l´esattezza nell´area del parcheggio delle automobili, a ridosso della spiaggia, è stata transennata e messa in sicurezza. Solo due mesi fa, un altro lastrone in cemento, sempre nella stessa zona, si era staccato da un muro a causa delle violente mareggiate. Sia nel caso dello scorso fine settimana sia due mesi fa, fortunatamente, non si è registrato alcun ferito ma è chiaro che appare urgente, secondo quanto testimoniato dai proprietari dei villini, intervenire presto.

A pochi chilometri dalla spiaggia, inoltre, una strada sterrata è stata «sbancata» e messa in sicurezza solo dopo diversi appelli del gruppo politico dei «Forconi» di Pozzallo. Evitare sia tragedie di cui pentirsi in un secondo momento che scempi ambientali è la precipua richiesta dei tanti residenti del Secondo Scivolo.