Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 710
POZZALLO - 01/07/2008
Attualità - Pozzallo - Nei prossimi giorni i sopralluoghi dei tecnici

Più verde nella zona industriale Modica - Pozzallo

E’ quanto emerso dall’incontro tra il presidente dell’Asi Gianfranco Motta e l’assessore provinciale Salvo Mallia Foto Corrierediragusa.it

Pianificare una serie di interventi mirati alla riforestazione dell’area della zona industriale Pozzallo-Modica. ? quanto emerso dall’incontro fra il presidente dell’Asi Gianfranco Motta (nella foto) e l’assessore all’ambiente della provincia di Ragusa, Salvo Mallia, i quali, nel corso di un incontro a Ragusa, hanno affrontato il tema del piano della gestione dell’area Sic che riguarda parte dell’area sopraccitata.

Non si è parlato, però, solo del rimboschimento della fauna delle aree non interessate dalla costruzione di nuovi opifici, ma anche di uno studio faunistico che possa garantire il «verde» in un’area dove, nel corso degli ultimi anni, si registra, fra gli altri, un tasso di inquinamento atmosferico crescente.

"Si vuole salvaguardare l’interesse ? dichiara Gianfranco Motta ? di un’area che esprime, a pieno regime, la produzione e lo sviluppo di molte realtà industriali, ma, come presidente dell’Asi, non potevo non tener conto anche di quelle aree non interessate da opifici che costituiscono l’unico «polmone verde» di parte della zona Asi. Un patto, questo formulato con la Provincia, che testimonia la nostra volontà ecologista, a salvaguardia di un territorio che sentiamo fortemente nostro". L’intervento consterà di diverse piantumazioni dislocate sulla zona est del territorio in questione e sarà avviato non appena saranno stanziati i fondi regionali che necessitano per la riforestazione.

Saranno alcuni tecnici, chiamati in causa dalla stessa Asi, a predisporre, nei prossimi giorni, alcuni sopralluoghi per verificare che la futura piantumazione non abbia alcun risvolto negativo per il futuro. "Stiamo vagliando tutte le carte ? dichiara Mallia ? che manderemo successivamente alla Comunità Europea, il tutto nella speranza di poter iniziare, in tempi brevi, la riqualificazione «verde» di un’area che non poteva essere abbandonata. Quando inizieranno i lavori? So per certo che lunedì pomeriggio, sette luglio, comincerà il piano di lavoro per il quale abbiamo concertato, di comune accordo, con l’Asi. Se i tempi saranno rispettati e l’arrivo dei fondi sarà repentino, credo che non dovremo aspettare a lungo per vedere la definitiva risoluzione del progetto".