Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 790
POZZALLO - 12/12/2014
Attualità - Lo sciopero degli addetti al servizio di tumulazione ed estumulazione

A Natale è assolutamente vietato morire a Pozzallo!

Gli interessati attendono stipendio arretrati e tredicesima Foto Corrierediragusa.it

Sei mesi di ritardo, la tredicesima da incassare, nessuna prospettiva per il futuro. I dodici dipendenti della coop Agos, la ditta che si occupa non solo della manutenzione del verde pubblico ma anche, fra le altre cose, delle operazioni di estumulazione e tumulazione presso il cimitero comunale, hanno scioperato contro l´immobilismo dell´ente comunale. Alcuni dipendenti della cooperativa sono stati ricevuti dal sindaco, Luigi Ammatuna. Secondo quanto riferito dai dipendenti della cooperativa, il sindaco avrebbe promesso tre mensilità prima dell´arrivo delle festività natalizie. "E´ l´ennesima promessa che il sindaco Ammatuna ci ha fatto – riferiscono i dodici dipendenti che hanno scioperato – Non riusciamo più ad arrivare a fine mese. Non sappiamo neanche se l´amministrazione comunale ha in animo di pagare la cooperativa visto che la stessa non viene pagata dallo scorso anno, e precisamente da maggio 2013. Una situazione che ha dell´incredibile. Il sindaco ci ha accolto con le braccia aperte, sconsolato per la situazione venutasi a creare. Non vogliamo solidarietà, vogliamo lo stipendio. Siamo stanchi ed indignati".

Negli scorsi giorni erano previste anche otto estumulazioni, rinviate a data da destinarsi. Sarà vietato anche morire nei prossimi giorni, visto che gli operatori non effettueranno tumulazioni all´interno del cimitero comunale. Almeno per i prossimi cinque giorni. "Ma lo sciopero – concludono quelli dell´Agos – potrebbe prolungarsi ben oltre i cinque giorni previsti, così come concordato anche con le sigle sindacali". Il quadro è poco roseo per quel che concerne le cooperative che offrono servizi al cittadino. Non è, difatti, solo la coop Agos a «soffrire» per i mancati pagamenti.