Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1061
POZZALLO - 13/11/2014
Attualità - Si tratta di una onlus

Debutta a dicembre a Pozzallo la fondazione "Ciurciù"

Un progetto per la disabilità Foto Corrierediragusa.it

E´ prevista entro l´otto dicembre la presentazione alla città della «Fondazione Iolanda e Francesco Ciurciù – Onlus». L´annuncio giunge direttamente dal presidente della fondazione Giovanni Ciurciù (foto), impegnato in questi giorni ad ottimizzare l´intero progetto che riguarda il mondo della disabilità. Molteplici i risultati ottenuti dal presidente, come l´iscrizione della fondazione nel registro delle Persone Giuridiche della Regione Sicilia (il decreto assessoriale è stato pubblicato lo scorso 31 ottobre); la direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate ha già riconosciuto lo status di «onlus» alla fondazione; è in fase di definizione, con l’assessorato regionale al Demanio di Palermo, l’assegnazione alla fondazione della ex colonia marina, da adibire a centro polifunzionale per i disabili con annesso «museo del mare».

Entro il 25 novembre prossimo, si insedierà il consiglio di amministrazione, dove sarà presente un esponente nominato dall´attuale amministrazione comunale. "Da giorno otto dicembre – dice Giovanni Ciurciù - gli organismi insediati, dovranno definire ufficialmente cosa dovrà fare la fondazione, producendo atti ufficiali e vincolanti".

Il centro sociale polivalente è una struttura aperta alla partecipazione anche non continuativa di diversamente abili, con bassa compromissione delle autonomie funzionali, alle attività ludico-ricreative e di socializzazione e animazione, in cui sono garantite le prestazioni minime connesse alla organizzazione delle suddette attività, ai presidi di garanzia per la salute e l’incolumità degli utenti durante lo svolgimento delle attività del centro. Gli interventi e le attività all’interno e all’esterno del centro devono consentire di contrastare l’isolamento e l’emarginazione sociale delle persone diversamente abili, di mantenere i livelli di autonomia della persona, di supportare la famiglia.

Il centro si colloca nella rete dei servizi sociali territoriali, caratterizzandosi per l’offerta di una pluralità di attività ed interventi, diversificati in base alle esigenze dei diversamente abili e delle loro famiglie, e assicura l’apertura sulla base delle prestazioni e attività erogate. Questo e molto altro ancora sarà oggetto della presentazione della fondazione pozzallese, che avverrà fra qualche settimana. Alla presentazione dell´iniziativa, è prevista la partecipazione del vescovo di Noto, mons. Antonio Staglianò.