Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 766
POZZALLO - 13/08/2014
Attualità - Grazie alla fondazione «Iolanda e Francesco Ciurciù»

Struttura di accoglienza per diversamente abili a Pozzallo

La struttura sarà tra le altre cose centro diurno per disabili, servizio medico e terapeutico di riabilitazione Foto Corrierediragusa.it

Doveva essere solo un museo, sarà invece una struttura di accoglienza per disabili (con annesso museo). I responsabili della fondazione «Iolanda e Francesco Ciurciù» hanno ricevuto da parte dell´assessorato regionale Territorio ed Ambiente il benestare per l´affidamento dei locali dell´ex Colonia marina, sita sul lungomare Pietrenere al fine di utilizzare i suddetti locali come centro polifunzionale per le persone disabili. Un successo che porta la firma del presidente della fondazione, Giovanni Ciurciù. "La comunicazione – dice il presidente – è avvenuta grazie alla sinergia che si è venuta a creare fra il sottoscritto e la Sopraintendenza ai Beni Culturali di Ragusa, nella persona della dottoressa Rosalba Panvini. É bastato inviare tutta la documentazione a Palermo per ottenere, in breve tempo, la risposta che tutti aspettavamo. La fondazione avrà una sua sede. Una parte della struttura sarà un museo, l´altra metà servirà ai disabili, i quali, alcuni di essi, lavoreranno all´interno del museo. Presenteremo entro pochi giorni un progetto che prevede il completamento dei lavori edili e la sua destinazione sia ai servizi sociali che culturali. I tempi? Si spera di finire il tutto entro pochi mesi e di consegnare la struttura entro giugno 2015".

La struttura sarà centro diurno per disabili, servizio medico e terapeutico di riabilitazione, servizio alla cura alla persona disabile e/o anziana, palestra per attività di recupero motorio, attività connesse al soggiorno e al turismo del Terzo settore, servizio di ristoro per gli ospiti. Si prevede l´assunzione di 30 persone circa, fra operatori Osa, personale medico, altre categorie. La fondazione, inoltre, s´impegnerà con un proprio intervento finanziario per la ristrutturazione della struttura e dell´area attigua.

L´ultima «stoccata» del presidente Ciurciù è per l´attuale Giunta comunale, compresi gli attuali venti consiglieri di palazzo La Pira, i quali, dopo una prima approvazione in Aula, hanno lasciato il presidente della fondazione al suo destino non riuscendo ad approvare in tempo la delibera dello statuto. "Ce l´ho fatta senza agganci politici – dice Ciurciù – e quando qualcuno mi diceva che era impossibile fare tutto, quello era un motivo in più per andare avanti. Rancore verso i politici? Spero in un cambiamento da parte della classe politica, dico solo questo".

Ad oggi, il Comune di Pozzallo non ha assunto alcun impegno per la gestione e la sicurezza dell´immobile, così come scritto nel documento che la Sopraintendenza ha inviato agli uffici dell´assessorato palermitano. Nei prossimi giorni, così come riferito dallo stesso Ciurciù, ci sarà un incontro col primo cittadino Luigi Ammatuna al fine di tracciare un percorso comune che porti all´apertura del centro.