Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 621
POZZALLO - 08/08/2014
Attualità - Per aiutare concretamente i migranti

Nasce associazione onlus in memoria di don Botterelli

E’ stato il fratello del prete originario di Modica, Antonio, a presentare l’associazione, con la preziosa collaborazione del dottor Vincenzo Morello Foto Corrierediragusa.it

La realtà migratoria sul territorio pozzallese è molto significativa e si colloca oramai ai primi posti a livello nazionale per numero di presenze. Per tale motivo, nasce in città l´associazione onlus intitolata alla memoria di don Giovanni Botterelli, il prete della parrocchia di santa Maria di Portosalvo, scomparso nel dicembre del 2012. Un aiuto concreto che sarà fornito non solo alle famiglie dei migranti ma anche alle famiglie italiane che versano in condizioni disagiate. L’associazione è altresì aperta a tutti coloro che, italiani o stranieri, sentono di condividere tali obiettivi per aiutare gli immigrati e le famiglie in difficoltà a sentirsi sempre più integrati, attivi e partecipi a livello civile e culturale nella comunità, nel pieno rispetto del loro credo politico e religioso e delle tradizioni dei paesi di provenienza.

E´ stato il fratello del prete originario di Modica, Antonio, a presentare l´associazione, con la preziosa collaborazione del dottor Vincenzo Morello. Domenica prossima, dopo la santa messa serale che si terrà presso il lungomare Pietrenere, sarà presentato il progetto ai fedeli. Nel corso della conferenza, è stato riferito che l´associazione è alla ricerca anche di una sede. "Dalla morte di mio fratello stiamo portando avanti quest´associazione onlus con impegno - spiega Antonio Botterelli - e confidiamo nell´appoggio di chi vorrà sostenerci. Ci crediamo e vogliamo creare una struttura di accoglienza per aiutare persone bisognose e famiglie di migranti e collegarci con un centro di ricerca oncologico continuando la missione iniziata da lui. Vogliamo dare lo stesso sostegno che dava padre Giovanni. Portare avanti con umiltà e determinazione il suo lavoro e le sue opere".

Nella foto da sx suor Vittoria, padre Davide Lutri e Antonio Botterelli