Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 818
POZZALLO - 15/05/2008
Attualità - Pozzallo - L’obiettivo dell’assessore all’eoclogia Avveduto

La Pozzallo delle bandiere: dopo la blu arriva quella verde

Il programma sarà rivolto alle scuole pubbliche e private Foto Corrierediragusa.it

«Bandiera Verde», l’amministrazione Sulsenti si sta già muovendo. Dopo la conquista della settima «Bandiera Blu» per il comune di Pozzallo, l’assessore all’ecologia, Angelo Avveduto (nella foto), ha già predisposto un piano per ritornare a Roma, nel 2009, alla conquista dei due importanti riconoscimenti che la Fee Italia, annualmente, riconosce ai comuni più virtuosi.

Il programma di «Bandiera Verde» sarà rivolto alle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado che decidono di intraprendere un percorso volto alla diffusione di comportamenti sostenibili per la salvaguardia ambientale. Prospettiva principale dell’assessore sarà quella di coinvolgere, insieme alla ditta Busso, le scuole elementari e medie della città, in un progetto di salvaguardia del territorio marino e delle periferie che la città di Pozzallo vuole portare avanti, in particolar modo, nei prossimi anni.

"Si è scelta questa linea ? dichiara Avveduto ? perché, viste le dimensioni ridotte del nostro territorio, sarebbe ingiusto non partecipare. Si otterrebbero due risultati: coinvolgimento delle fasce cosiddette «minori» in un progetto scolastico di indubbio interesse, ritorno d’immagine positiva per il nostro comune. Il doppio risultato sarebbe una bella conquista per la nostra città. Mi chiedo come mai la passata amministrazione non c’abbia mai pensato, quando, a Pozzallo, portavano solo la «Bandiera Blu»".

Fra i progetti che l’assessore sta studiando, è prevista la realizzazione di un «eco-comitato» e verranno messe in atto iniziative non solo didattiche per infondere ai più giovani i valori di difesa dell’ambiente, ma anche delle azioni tangibili di salvaguardia del territorio. Tra queste la costruzione di una pista ciclabile e nuovi impianti di depurazione.