Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1244
POZZALLO - 30/10/2013
Attualità - Affollata assemblea presso i locali della Società operaia ma parlamentari assenti

I sindacati rilanciano vertenza lavoratori villaggi turistici

Cigl, Cisl ed Uil chiedono incontro urgente a Palermo all’assessore regionale al lavoro, Ester Bonafede

I sindacati rilanciano la vertenza dei lavoratori dei villaggi turistici, Un´assemblea si è tenuta a Pozzallo nei locali della Società operaia peer iniziativa di Cgil, Cisl ed Uil. I lavoratori sono delusi e preoccupati per il silenzio che è calato sulla vereynza che coinvolge quasi 400 persone oltre l´indotto. Delusione e rabbia fra i presenti in sala.
I sindacati non vogliono mollare e ritornano a chiedere un tavolo regionale di confronto che è stato annunciato a più riprese dall´assessore al lavoro, Ester Bonafede, ma non è stato ancora convocato.

Chiaro il messaggio, ripreso nel corso dei vari interventi, lanciato dal segretario generale della Cgil di Ragusa, Giovanni Avola: "Proclamiamo da subito lo stato di agitazione dei lavoratori dei tre villaggi e riprendiamo il discorso della lotta dura che abbiamo interrotto a seguito di convocazione del presidente della Regione Rosario Crocetta, perché l´incontro fissato il 5 settembre scorso a Palermo con l´assessore regionale al Lavoro Ester Bonafede è stato rimandato e non ha più avuto alcun seguito. Non consentiamo a nessuno di trattarci in questo modo, atteso che il problema sollevato riguarda il lavoro di 400 persone".

"Considerato fra l´altro che le società titolari dei tre villaggi turistici entro dicembre devono programmare la prossima stagione - ha concluso Avola - occorrono sin d´ora risposte certe che, anche in prospettiva, diano tranquillità alle proprietà e ai lavoratori stessi. Il silenzio della Regione e dell´assessore Bonafede è grave ed offensivo. Se entro la prossima settimana non avremo risposta attueremo forme di lotta durissima".