Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 743
POZZALLO - 05/05/2008
Attualità - Pozzallo - La vicenda continua a atenere banco

Studenti in piazza: chiedono l´abolizione del ticket dei bus

Il segretario Pd Ammatuna:"Spero nel ravvedimento di Sulsenti" Foto Corrierediragusa.it

Studenti pronti a scendere nuovamente in piazza Rimembranza per protestare contro la politica dei ticket scolastici. Nulla, allo stato attuale, sembra essere stato ancora deciso ma il «tam tam» delle notizie che si propaga via sms, fra gli stessi pendolari, non lascia presagire nulla di buono per l’attuale amministrazione.

Il «probabile» sciopero, difatti, dovrebbe riguardare solo la giornata di oggi visto il momento delicato di fine quadrimestre dove molti studenti stanno completando le ultime interrogazioni. L’intento, comunque, sarà quello di non desistere, neanche per il futuro, di fronte alle scelte che la giunta autonomista di Pozzallo vorrebbe attuare per il prossimo anno scolastico. La richiesta sarà unica: abolizione di ogni forma di ticket scolastico non solo per il prossimo anno ma anche per gli anni successivi.

Non si trascura l’ipotesi che, se l’amministrazione non vorrà attuare cambiamenti in tal senso, i ragazzi protesteranno anche dopo la chiusura dell’anno scolastico, con appositi sit-in, fino a quando non si raggiungerà l’obiettivo di stralciare la delibera che impone un pagamento per gli abbonamenti.

"E’ chiaro che noi non vogliamo strumentalizzare gli studenti per favorire futuri scioperi ? dichiara Ennio Ammatuna (nella foto), segretario del Partito Democratico pozzallese ? ma non possiamo biasimarli perché capiamo che l’amministrazione Sulsenti sta compiendo atti del tutto impopolari che danneggiano la collettività pozzallese. Spero ? conclude Ammatuna ? che si possano ravvedere quanto prima".

Non sarebbe, comunque, la prima volta che gli studenti protestano per i ticket: già lo scorso 23 Dicembre un primo sciopero aveva sortito effetti positivi sul ritiro della delibera che avrebbe imposto alle famiglie dei pendolari il pagamento degli abbonamenti scolastici.