Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1204
POZZALLO - 27/08/2013
Attualità - Ridimensionato il problema del sovraffollamento della struttura portuale

Immigrazione: il prefetto rassicura

Nessun nuovo centro per gli immigrati, riqualificazione del palazzetto dello sport, in contrada Palamentano, maggiori controlli soprattutto dopo le ore 22, soldi in arrivo per le casse comunali ma non quelli sperati
Foto CorrierediRagusa.it

Nessun nuovo centro per gli immigrati, riqualificazione del palazzetto dello sport, in contrada Palamentano, maggiori controlli soprattutto dopo le ore 22, soldi in arrivo per le casse comunali ma non quelli sperati. Sono queste, in sintesi, le promesse che il Prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, ha riferito al sindaco Luigi Ammatuna nel corso di un incontro fortemente voluto dal primo cittadino a palazzo La Pira. All´incontro, fra gli altri, ha partecipato anche il Questore di Ragusa, Giuseppe Gammino. Un incontro che segue il pestaggio di un somalo di qualche giorno fa e le tante lamentele della collettività pozzallese dopo i gravi fatti di nudismo da parte degli immigrati, oltre alle liti che, sovente, si sono viste lungo le strade cittadine. Per tale motivo, si è deciso di rafforzare la flotta di forze dell´ordine, fino a quando il centro sarà popolato da gente proveniente dall´Africa. É un segnale, ha riferito Vardè dopo la riunione, che vuole tranquillizzare la popolazione locale, intimorita da troppe notizie, vere o presunte che siano, di immigrati che circolano in città con l´unico scopo di ubriacarsi o di alzare le mani.

Vardè ha, inoltre, ridimensionato il problema del sovraffollamento della struttura portuale." Nei mesi di Luglio e Agosto – ha affermato il Prefetto - il Centro di Primo Soccorso pozzallese è arrivato ad ospitare 395 ospiti, mentre attualmente conta 265 presenze rispetto ad una capienza ordinaria di 180. Il Centro è collaudato per contenere 240 persone, pertanto ritengo sia esagerato parlare di sovraffollamento. Purtroppo devo constatare che sono circolate sui giornali notizie infondate, come quella dell’aggressione al cittadino somalo o quella della fuga di alcuni immigrati dal Centro. Devo constatare che il «sistema Pozzallo» ha funzionato senza particolari criticità. Il fenomeno immigrazione, rispetto agli anni precedenti, è aumentato in maniera esponenziale, e desidero fare un plauso alla popolazione pozzallese perché non ha mai manifestato fenomeni di intolleranza e razzismo".

Alle richieste di nuovo centro per gli immigrati, Vardè è stato categorico. Nessun nuovo centro (almeno per il momento), solo la riqualificazione del palazzetto attiguo allo stadio comunale. Saranno stanziati 35 mila euro per la struttura, che serviranno anche per avere a disposizione una nuova struttura funzionale. Ad oggi, infatti, il palazzetto è in uno stato di fatiscenza.

Ammatuna, oltre a negare di aver detto in un´intervista che il paese è in mano agli immigrati, ha riferito di aver dialogato con molti agenti e volontari della Protezione Civile, i quali sono, loro malgrado, sottoposti a turni disagevoli. Vardè ha riferito di voler discutere della cosa in un prossimo incontro di coordinamento interforze.

Il Questore di Ragusa, Gammino, ha spiegato che il Centro sta cambiando pelle per necessità, similmente a quanto avviene in altre località. Ciò può comportare necessità di attenzione superiore da parte delle Forze dell´Ordine. Di questo aspetto se ne parlerà in un vertice appositamente convocato nei prossimi giorni.

Nella foto da sx il prefetto Vardè, il sindaco Ammatuna e il questore Gammino