Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1471
POZZALLO - 07/08/2013
Attualità - Si tratta del tributo sui rifiuti e sui servizi per l’anno 2013

Modalità pagamento Tares decise da consiglio comunale

Quattro le rate che la Civica Assise ha approvato all’unanimità

Il Consiglio comunale ha deciso le modalità di pagamento per la Tares, il tributo sui rifiuti e sui servizi per l’anno 2013. Quattro le rate che la Civica Assise ha approvato all´unanimità (quindici i consiglieri presenti). La prima, con scadenza 31 ottobre 2013, sarà pari al 30% del dovuto per la Tarsu per l’anno 2012; la seconda, con scadenza 30 novembre 2013, sarà pari al 25% del dovuto per la Tarsu 2012; la terza, con scadenza 31 dicembre 2013, sarà pari al 25% della Tarsu per l’anno 2012; la quarta, il restante 20%, più il conguaglio Tares, sarà pagato a rate nel 2014. L´importo di quest´ultima rata sarà determinato in base al regolamento della Tares che il Consiglio comunale approverà nei prossimi mesi.

Prima dell´inizio dei lavori, è stato letto un comunicato congiunto della Confcommercio del presidente Gianluca Manenti e della Cna del presidente Angelo Modica. Diversi gli imprenditori pozzallesi presenti in aula consiliare. Si è voluto far presente che, nonostante il momento critico nel quale «navigano» molte famiglie, la disponibilità al dialogo deve essere una costante al fine di migliorare i rapporti fra pubblica amministrazione e cittadini. Con alcuni distinguo. "Non sono stati forniti – è scritto nel testo letto - elementi di informazione circa il nuovo tributo, che per noi, per gli imprenditori, i cittadini, sono fondamentali e cioè i veri risparmi che questa amministrazione deve realizzare partendo dalla loro riorganizzazione e dai loro costi interni. Non si può continuare a pareggiare i conti con i soldi che famiglie ed imprese gestiscono sempre più con parsimonia.

E’ stata pensata una minuziosa verifica delle tariffe (e del Bilancio comunale) che colpiscono pesantemente le famiglie e le imprese pozzallesi con l’impegno di attutirne l’impatto? Per le attività commerciali e artigianali cosa è stato previsto? Bisogna applicare le agevolazioni previste dalla legge. Bisogna vedere il bilancio di previsione e verificare tutte le possibilità per le categorie economiche più colpite in quanto l’applicazione del tributo comporterà danni non indifferenti per la sopravvivenza delle aziende".