Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 354
POZZALLO - 11/03/2013
Attualità - I piccioni «sorvegliano» il trittico ottocentesco

Lasciata all´incuria la cappella di S. Rosalia a Villa Tedeschi

L’umidità ha notevolmente deteriorato i muri
Foto CorrierediRagusa.it

La cappella dedicata a Santa Rosalia, all´interno del complesso residenziale villa Tedeschi, è lasciata nella più completa incuria. Uno dei luoghi più caratteristici della città, per storia e cultura, è oggi nel degrado e nell´abbandono. I piccioni «sorvegliano» il trittico ottocentesco della Madonna con San Francesco e San Giovanni Bosco (foto), con deiezioni di volatiti tutto attorno all´altare e alle cripte. L´umidità ha notevolmente deteriorato i muri, secondo quanto riferito da chi, di recente, è riuscito ad entrare all´interno della cappella. All´esterno, i rampicanti non si contano. Qualche topo gira indisturbato fra le siepi. Se l´amministrazione comunale, che dal 1979 possiede il complesso residenziale, non si attiverà per cercare un finanziamento al fine di salvare il tutto, un pezzo della storia di Pozzallo sarà definitivamente cancellato.

L´aveva promesso l´ex sindaco Peppe Sulsenti quando fu inaugurato il restauro della villa Tedeschi, attuale sede della biblioteca comunale. "E´ pronto un altro finanziamento regionale – disse Sulsenti nel dicembre del 2009 – che consentirà di riqualificare la cappella dedicata a Santa Rosalia assieme all´orto botanico. Entro un anno, speriamo di avere in mano i soldi per la cappella, un vero gioiello storico che va salvaguardato".

Ad onor del vero, nonostante la documentazione inoltrata presso gli uffici competenti della Regione, quel progetto non vide mai la luce. "Non si trovarono i soldi – dice l´architetto Salvatore Tringali, estensore di quel progetto – e nonostante io avessi dato nelle mani del sindaco di allora il progetto, non furono mai trovati i finanziamenti per poter riqualificare la cappella e l´orto botanico".

"In questi giorni – dice il direttore della Biblioteca comunale, Giancarlo Sessa - dove si organizzano tavole rotonde sul turismo, riuscire ad intercettare qualche finanziamento della Comunità Europea per ridare la cappella ai pozzallesi, e non solo a loro, sarebbe un valore aggiunto alle tante peculiarità che potrebbe offrire, turisticamente parlando, la città di Pozzallo".