Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 950
POZZALLO - 19/12/2012
Attualità - Il 20 dicembre è la data ultima per la presentazione del questionario

Bandiera blu a rischio per Pozzallo a causa di ritardi

Sul dodicesimo riconoscimento consecutivo per il Comune, però, "aleggia" uno strano presentimento perchè i dati sulla differenziata non supererebbero, secondo alcune fonti, la percentuale richiesta dal bando

A rischio per il Comune di Pozzallo l´assegnazione della «Bandiera Blu» per il prossimo anno. Il 20 dicembre è la data ultima per la presentazione del questionario per la candidatura all’ottenimento della Bandiera Blu 2013. Il Comune di Pozzallo ha già predisposto la redazione del questionario, che ha inviato in queste ore presso gli uffici di Roma della Fee, l´organizzazione internazionale che giudica e premia le località marine che si sono distinte nella tutela dell’ambiente.

Sul dodicesimo riconoscimento consecutivo per il Comune, però, "aleggia" uno strano presentimento perchè i dati sulla differenziata non supererebbero, secondo alcune fonti, la percentuale richiesta dal bando. E´ stata, difatti, fissata al 15 per cento (contro il 10 per cento per il 2012) la percentuale della differenziata al di sotto della quale il questionario viene rispedito al mittente, assieme ad una sonora bocciatura. In questo questionario, si deve indicare la percentuale di raccolta differenziata dell’anno precedente ed il punteggio assegnato valuta sia la percentuale raggiunta sia eventuali miglioramenti rispetto all’anno precedente. Il Comune di Pozzallo pare sia al di sotto della soglia del 15 per cento.

Ma non sarebbe l´amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Ammatuna ad avere colpe sulla probabile bocciatura da parte della Fee. Da fonti di palazzo La Pira, pare che dal mese di maggio la «Geo Ambiente», la ditta che, ad oggi, ancora gestisce la raccolta dei rifiuti, non abbia trasmesso i dati sulla differenziata. O comunque, non in maniera esaustiva.

Inoltre, lo stop dovuto all´incendio dell´isola ecologica di tre mesi fa (21 settembre) e successivo sequestro, hanno stoppato giocoforza l´invio dei pochi dati trasmessi. Ergo, il Comune di Pozzallo ha inviato a Roma un questionario sicuramente «monco» in alcune sue parti, con gli ultimi mesi dove è visibile una pagina interamente in bianco, senza alcun dato. E dall´ufficio Ecologia del Comune fanno sapere che chi avrà il compito di promuovere o bocciare i questionari inviati, terrà conto dei dodici mesi in totale, nonostante sia notorio come l´isola ecologica sia stata posta sotto sequestro qualche giorno dopo l´incendio del settembre scorso.

Bisognerà aspettare il mese di maggio (come ogni anno) per conoscere se le indiscrezioni che trapelano da palazzo La Pira saranno smentite. Il danno d´immagine, dopo undici riconoscimenti consecutivi, sarebbe enorme.